La vertigine di Ubaldo Monico, dall’incisione alla pittura

Mostre

Nella mostra “Verso il colore” all’Atelier Ratti di Malvaglia

 La vertigine di Ubaldo Monico, dall’incisione alla pittura
Ubaldo Monico. «Senza titolo» (1974), olio su tela, cm. 89,8x88.
(© ProLitteris, Zürich)

La vertigine di Ubaldo Monico, dall’incisione alla pittura

Ubaldo Monico. «Senza titolo» (1974), olio su tela, cm. 89,8x88.
(© ProLitteris, Zürich)

L’ampia esposizione di opere di Ubaldo Monico (Dongio 1912-1983) permette all’Atelier Ratti a Malvaglia di confermarsi come sede museale, di ampliare la conoscenza dell’opera di Monico, di rilanciare l’attenzione su quella di Titta Ratti e, per converso, di aggiornare le geografie dell’arte in Ticino. Il tutto è stato ribadito di recente con la presentazione del catalogo, che ha interventi di Carla Ferriroli, Maria Will e Giulio Foletti, curatori della mostra, oltre che di Sofia Marazzi, Cyril Bryan Thurston, amico di Monico e dello scrittore Remo Beretta con i quali esplorò l’altipiano della Greina, Walter Schönenberger e Jean Soldini, autore nell’87 del catalogo generale dell’opera incisa. L’esposizione parte proprio dalle incisioni, sulla base d’una recente donazione e di prestiti: soprattutto...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2

    Il fascino della scacchiera

    La riflessione

    Il grande successo della serie televisiva «Regina di Scacchi» in programmazione su Netflix ha fatto rifiorire l’interesse attorno questo gioco brutale, terribile e complicato, che chiede strategia, intelligenza, non sopporta la superficialità e riflette quell’inconscio desiderio di complessità che la moderna società per troppo tempo ha cercato di banalizzare

  • 3

    «A riveder le stelle» con il Teatro alla Scala

    musica

    Presentato l’originale spettacolo con cui il 7 dicembre prenderà il via la stagione della struttura milanese – Non sarà un’opera ma un variegato mosaico di musica, danza e recitazione cui hanno aderito tante stelle di caratura mondiale messo in scena senza pubblico e in diretta tv

  • 4
  • 5

    Sei lezioni per tre giganti

    Poesia

    Sono state raccolte in volume, per i tipi di Giampiero Casagrande, le conferenze tenute nei licei ticinesi dal noto critico letterario Gilberto Lonardi - Tra Leopardi, Montale e Giorgio Orelli un viaggio seducente e rigoroso nella bellezza di alcune tra le massime esperienze liriche della tradizione occidentale

  • 1
  • 1