Saggi

Le biblioteche come archivi della memoria

Alberto Manguel ha scritto una struggente elegia sul nostro amore per i libri di carta

 Le biblioteche come archivi della memoria
Alberto Manguel (Buenos Aires, 1948) è scrittore, saggista, traduttore e critico di fama internazionale. Dal 2015 al 2018 è stato direttore della Biblioteca nazionale argentina come a suo tempo Jorge Luis Borges.

Le biblioteche come archivi della memoria

Alberto Manguel (Buenos Aires, 1948) è scrittore, saggista, traduttore e critico di fama internazionale. Dal 2015 al 2018 è stato direttore della Biblioteca nazionale argentina come a suo tempo Jorge Luis Borges.

Si tramanda che all’inizio del Cinquecento il ducaGuid’Ubaldo (così si scriveva) da Montefeltro, incaricando il sommo umanista Baldesar Castiglione di allestire la biblioteca nel palazzo di Urbino, lo ammonisse: «Mal gliene incoglie a chi mi mette in casa un libro stampato». Un anticipo del rifiuto di moltissimi lettori odierni, specie dalla mezz’età in su, dei cosiddetti E-books...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2
    Locarno Film Festival

    La Retrospettiva è (finalmente) donna

    Occhi puntati dal 5 al 15 agosto sull’opera ancora poco conosciuta dell’attrice e regista giapponese Kinuyo Tanaka - Intervista a Lili Hinstin, direttrice artistica del Festival

  • 3
    Classica

    OSI e mandolino, inedito connubio

    Doppia esibizione – giovedì sera all’Auditorio RSI di Lugano, venerdì nella chiesa di S. Biagio a Ravecchia – del complesso sinfonico ticinese affiancato dal virtuoso israeliano Avi Avital - IL VIDEO

  • 4
  • 5
  • 1