Le tante solitudini di Facebook

Riflessioni

I meccanismi perversi e le storture dei social network stanno trasformando il nostro modo di vivere nella società quasi senza che se ne avvertano i pericoli

Le tante solitudini di Facebook
© Shutterstock

Le tante solitudini di Facebook

© Shutterstock

Nessuno oggi è ancora in grado di calcolare i danni psicologici e percettivi che hanno fatto i social network. Ovvero: in che modo sistemi come Facebook hanno cambiato il modo di pensare, ma anche il modo di stare nel mondo, di passare il proprio tempo e di gestire la solitudine. Ma forse, tra vent’anni sarà possibile scrivere qualcosa di definitivo su quella potrebbe rivelarsi come una sciagura di proporzioni universali. E non si tratta di fare gli apocalittici. Si tratta di mettere i tasselli, in fila, al loro posto, e di capire dove il meccanismo si è inceppato. Perché si è inceppato. E ha portato a una nuova patologia che neppure Freud avrebbe potuto immaginare. Certamente ha generato un narcisismo patologico, ma non solo: oggi è legittimo pensare che i social network siano dei generatori...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1