Lili Hinstin lascia il Festival di Locarno

cinema

Divergenze strategiche alla base del divorzio dopo appena due anni di direzione artistica

Lili Hinstin lascia il Festival di Locarno
© CdT/Zocchetti

Lili Hinstin lascia il Festival di Locarno

© CdT/Zocchetti

Il Locarno Film Festival e Lili Hinstin cessano la loro collaborazione. La decisione - presa «di comune accordo» - è stata comunicata attraverso una nota del Film Festival. All’origine dell’addio vi sono «le divergenze strategiche», che hanno portato il Locarno Film Festival e Lili Hinstin a decidere di «separare le proprie strade».

Il Consiglio direttivo, e in seguito il Consiglio di amministrazione, si riuniranno prossimamente per discutere le questioni della successione.

Lili Hinstin era stata scelta il 24 agosto del 2018 per succedere a Carlo Chatrian alla guida del Festival. Direttrice dell’Entrevues Belfort – Festival International du Film dal 2013, Hinstin è nata a Parigi nel 1977. Laureata in Lingue, Letteratura e Civiltà straniere con indirizzo filosofia delle università di Parigi e Padova, nel 2001 ha fondato la società di produzione Les Films du Saut du Tigre ed è stata responsabile delle attività cinematografiche dell’Accademia di Francia a Roma dal 2005 al 2009 e, dal 2011 al 2013, vice direttrice artistica del Cinéma du Réel di Parigi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2

    Il fascino della scacchiera

    La riflessione

    Il grande successo della serie televisiva «Regina di Scacchi» in programmazione su Netflix ha fatto rifiorire l’interesse attorno questo gioco brutale, terribile e complicato, che chiede strategia, intelligenza, non sopporta la superficialità e riflette quell’inconscio desiderio di complessità che la moderna società per troppo tempo ha cercato di banalizzare

  • 3

    «A riveder le stelle» con il Teatro alla Scala

    musica

    Presentato l’originale spettacolo con cui il 7 dicembre prenderà il via la stagione della struttura milanese – Non sarà un’opera ma un variegato mosaico di musica, danza e recitazione cui hanno aderito tante stelle di caratura mondiale messo in scena senza pubblico e in diretta tv

  • 4
  • 5

    Sei lezioni per tre giganti

    Poesia

    Sono state raccolte in volume, per i tipi di Giampiero Casagrande, le conferenze tenute nei licei ticinesi dal noto critico letterario Gilberto Lonardi - Tra Leopardi, Montale e Giorgio Orelli un viaggio seducente e rigoroso nella bellezza di alcune tra le massime esperienze liriche della tradizione occidentale

  • 1
  • 1