Locarno Festival 2020: a Ryuichi Sakamoto il Vision Award Ticinomoda

Cinema

Il celebre compositore giapponese protagonista ad inizio agosto anche di un incontro pubblico e di una performance musicale

Locarno Festival 2020: a Ryuichi Sakamoto il Vision Award Ticinomoda

Locarno Festival 2020: a Ryuichi Sakamoto il Vision Award Ticinomoda

La 73.edizione del Locarno Film Festival, in programma dal 5 al 15 agosto, avrà tra i suoi ospiti il compositore e musicista giapponese Ryuichi Sakamoto al quale giovedì 6 agosto, in piazza Grande verrà assegnato il prestigioso con il Vision Award Ticinomoda. Nato a Nakano 17 gennaio 1952 Sakamoto è considerato uno dei pionieri della fusione tra la musica etnica orientale e le sonorità elettroniche occidentali. Dopo aver iniziato la carriera all’interno degli Yellow Magic Orchestra, band messasi in luce internazionalmente con un pop elettronico e sofisticato che univa sonorità all’avanguardia, melodie orientali e sinfonismo occidentali, si è avvicinato al cinema nel 1983 recitando, assieme a David Bowie, nel film di Nagisa Oshima Merry Christmas Mr. Lawrence (Furyo) di cui ha anche composto le musiche, tra cui il noto tema Forbidden Colours. L’idillio con il grande schermo è poi proseguito con estrema regolarità regalandogli anche grosse soddisfazioni, come l’Oscar e il Grammy Award conquistati nel 1988 con le musiche di The Last Emperor (L’Ultimo imperatore) di Bernardo Bertolucci e il Golden Globe otte nuto nel 1990 con The Sheltering Sky (Il tè nel deserto, 1990), sempre di Bertolucci. Il lavoro nel cinema non ha impedito comunque a Sakamoto di continuare una felicissima carriera in ambito prettamente musicale con un vasto numero di album in cui ha spaziato con eleganza ed eclettismo tra pop, musica elettronica, ambient, world music e musica neoclassica, tanto da diventare uno degli assoluti punti di riferimento della produzione contemporanea.

Ryuichi Sakamoto sul set di «Furyo» assieme a David Bowie.
Ryuichi Sakamoto sul set di «Furyo» assieme a David Bowie.

Eclettismo che Sakamoto avrà modo di evidenziare anche al Locarno Festival: durante la rassegna, infatti verranno proiettati tre film di cui ha realizzato la colonna sonora: Merry Christmas Mr. Lawrence (Furyo, 1983), L’Ultimo imperatore, 1987) e The Revenant ( Redivivo, 2015). Il musicista sarà inoltre protagonista, venerdì 7 agosto, di un incontro con il pubblico allo Spazio Cinema, mentre il giorno prima (giovedì 6) improvviserà dal vivo al pianoforte sul film di Yasujirō Ozu Tōkyō no onna (Una donna di Tokyo, 1933), proposto a Locarno nell’ambito della Retrospettiva dedicata all’attrice e regista Kinuyo Tanaka. «Ryuichi Sakamoto possiede il potere paradossale dei più grandi artisti: riesce a far convivere il minimalismo con la più folle densità emotiva», ha spiegato Lili Hinstin, direttrice artistica del Locarno Film Festival, «ed è quindi più che un onore accogliere un tale genio».

La colonna sonora del film «L’ultimo imperatore» con cui Sakamoto ha conquistato un Oscar e un Grammy Award
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1

    Il River Plate, storia di una passione a forma di pallone

    CALCIO E TELEVISIONE

    In questo periodo di assenza forzata dello sport giocato, ripercorriamo i successi più epici del club argentino attraverso il docu-film di Netflix - Fra calciatori diventati miti ed allenatori fuori dagli schemi, e una tifoseria da brividi

  • 2

    Il country piange John Prine

    Musica

    Morto a Nashville a 73 anni per le conseguenze del coronavirus uno dei personaggi più popolari della scena statunitense che ispirò Bob Dylan e Johnny Cash

  • 3

    Ora è il tempo di leggere

    Editoria

    Breve panoramica, forzatamente incompleta, sulle tante proposte digitali gratuite degli operatori italiani del settore

  • 4

    Festate slitta di un anno

    Annullata l’edizione 2020 - Il Festival di culture e musiche del mondo sposta l’appuntamento al 2021

  • 5

    È morta Honor Blackman

    lutto

    L’attrice inglese era famosa soprattutto per il ruolo di Pussy Galore in Agente 007 - Missione Goldfinger - Secondo quanto fatto sapere dalla famiglia, la Blackman è morta a 94 anni per cause naturali

  • 1
  • 1