LuganoMusica riparte dalla qualità

L’intervista

Con il direttore Etienne Reymond dietro le quinte della stagione concertistica pronta a scattare, tra continuità e nuove sfide

LuganoMusica riparte dalla qualità
Etienne Reymond, classe 1960, è direttore artistico e amministrativo di LuganoMusica dal 2013. © CdT/Gabriele Putzu

LuganoMusica riparte dalla qualità

Etienne Reymond, classe 1960, è direttore artistico e amministrativo di LuganoMusica dal 2013. © CdT/Gabriele Putzu

Lentamente, con un po’ di apprensione a causa dell’insicurezza ancora dilagante, il mondo della musica è pronto a ricominciare a vivere dopo la funesta prima parte del 2020. Mondo musicale che, in Ticino, ha tra i suoi fulcri il LAC e la stagione di LuganoMusica, ormai divenuta uno dei principali punti di riferimento, a livello cantonale ma anche internazionalmente, del settore classico. LuganoMusica che, dopo il brusco stop di marzo, il lungo periodo di inattività e un timido affacciarsi all’attività concertistica con le proposte di LAC en plein air è ora pronta ai nastri di partenza per una nuova stagione che, sebbene in continuità con le precedenti che hanno posto il centro luganese sotto i riflettori continentali, rappresenta, per certi versi, un nuovo inizio. Ne parliamo con il suo direttore...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1

    Mara Maionchi positiva al coronavirus

    Pandemia

    La nota produttrice discografica sarebbe ricoverata in un ospedale di Milano e le sue condizioni non desterebbero preoccupazioni - Si teme un focolaio sul set del programma «Italia’s got Talent»

  • 2

    Tra gli antichissimi dipinti del nostro Medioevo

    Il decodificatore

    Irene Quadri ci racconta i capolavori della pittura muraria tra XI e XIII secolo - Un libro fresco di stampa per raccontare il ricco patrimonio artistico ancora visibile nel Cantone

  • 3
  • 4

    Venduti all’asta i manoscritti di Hitler

    Germania

    I tre acquirenti si sono aggiudicati i documenti del Fürher per la cifra complessiva di quasi 190 mila di euro - Il presidente delle organizzazioni ebraiche: «Ciò che è appartenuto a lui e alla sua epoca non deve avere alcun mercato»

  • 5

    Castelli di carta, ecco i vincitori

    Cultura

    La giuria ha premiato negli scorsi giorni nove adulti e quattro ragazzi che si sono distinti con i loro racconti al concorso letterario promosso dalla Biblioteca cantonale di Bellinzona

  • 1
  • 1