Manfred Eicher: Il futuro della discografia sta nel pensare differente

Musica

Nostra intervista al fondatore della storica etichetta jazz ECM che festeggerà i suoi cinquant’anni di esistenza con un doppio concerto in programma sabato 9 novembre alla RSI di Lugano

Manfred Eicher: Il futuro della discografia sta nel pensare differente
Manfred Eicher, 76 anni, ha fondato la ECM (Edition of Contemporary Music) a Monaco di Baviera nel 1969 e ne è ancora oggi al timone.

Manfred Eicher: Il futuro della discografia sta nel pensare differente

Manfred Eicher, 76 anni, ha fondato la ECM (Edition of Contemporary Music) a Monaco di Baviera nel 1969 e ne è ancora oggi al timone.

Si festeggerà un compleanno importante sabato 9 novembre (ore 20.30) all’Auditorio della RSI, i 50 anni di una delle più celebri etichette jazz al mondo, la tedesca ECM, che da tempo ha stretto un solido legame con Lugano dove produce molti dei suoi dischi. Ne abbiamo parlato con il suo fondatore e ancora oggi timoniere, Manfred Eicher.

Iniziamo con un «buon compleanno» caloroso, specie in un periodo in cui le case disografiche fanno parlare soprattutto perché chiudono. Al contrario della ECM che invece pare essere in salute. Qual è il suo segreto?«Credo che sia il continuare a pensare in modo differente. Che è un po’ quello che 50 anni fa mi spinse a mettermi in proprio. Da musicista prima e poi da produttore per la Deutsche Grammophon, sentivo la necessità di un approccio diverso alla...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1