Marc Chagall, un amore senza confini

MOSTRA

Ultimi giorni per visitare la mostra a Palazzo Albergati dedicata a Marc Chagall - Più di 150 i capolavori esposti, molti dei quali provenienti da collezioni private - FOTO e VIDEO

Marc Chagall, un amore senza confini
© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini

© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini
© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini

© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini
© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini

© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini
© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini

© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini
© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini

© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini
© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini

© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini
© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini

© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini
© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini

© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini
© Prolitteris

Marc Chagall, un amore senza confini

© Prolitteris

Il mondo del circo, la tradizione russa, la natura e gli animali, la religione. Il tutto impreziosito da una generosa spolverata d’amore, quello vero, che dà un senso alla vita. Sono gli ingredienti di «Chagall. Sogno d’amore», la splendida mostra a palazzo Albergati di Bologna che si chiuderà il prossimo primo marzo.

Attraverso l’esposizione di 150 opere (tra dipinti, disegni, acquerelli e incisioni) la mostra, visitata nei giorni scorsi dai viaggiatori del Corriere del Ticino, passa in rassegna tutto il mondo dell’artista nato il 7 luglio del 1887 in Bielorussia e deceduto 98 anni dopo a Saint-Paul de Vence in Francia. A partire dal sentimento per la sua amatissima Bella, moglie e compagna di vita, nonché musa e fonte d’ispirazione di Chagall. I due si incontrano nel 1909: lui un pittore ventitreenne scapestrato, lei una ragazzina neppure quindicenne. «Non muoverti, resta dove sei. Non riesco a stare ferma. Ti sei gettato sulla tela che vibra sotto la tua mano. Intingi i pennelli. Il rosso, il blu, il bianco, il nero schizzano. Mi trascini nei fiotti di colore. Di colpo mi stacchi da terra, mentre tu prendi lo slancio con un piede, come se ti sentissi troppo stretto in questa piccola stanza. Ti innalzi, ti stiri, voli fino al soffitto. La tua testa si rovescia all’indietro e fai girare la mia. Mi sfiori l’orecchio e mormori...» scrive la donna nelle sue memorie. È Bella la donna che vola nei cieli, l’amante in blu, la protagonista dei tanti capolavori dipinti da Chagall. Il loro non è solo un rapporto d’amore, ma pure un connubio artistico.

Un legame indissolubile che traspare con forza dal nucleo di opere esposte a Bologna. Capolavori rari e straordinari, essendo provenienti da collezioni private e quindi di difficile accesso per il grande pubblico (vedi il video).

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1

    Il country piange John Prine

    Musica

    Morto a Nashville a 73 anni per le conseguenze del coronavirus uno dei personaggi più popolari della scena statunitense che ispirò Bob Dylan e Johnny Cash

  • 2

    Ora è il tempo di leggere

    Editoria

    Breve panoramica, forzatamente incompleta, sulle tante proposte digitali gratuite degli operatori italiani del settore

  • 3

    Festate slitta di un anno

    Annullata l’edizione 2020 - Il Festival di culture e musiche del mondo sposta l’appuntamento al 2021

  • 4

    È morta Honor Blackman

    lutto

    L’attrice inglese era famosa soprattutto per il ruolo di Pussy Galore in Agente 007 - Missione Goldfinger - Secondo quanto fatto sapere dalla famiglia, la Blackman è morta a 94 anni per cause naturali

  • 5

    Van Gogh, un autore che va sempre a ruba

    Arte

    Quello avvenuto la scorsa settimana al museo olandese Singer Land non è che il più recente furto di opere del pittore che si conferma il più ricercato dai ladri – È tuttavia l’Italia il Paese dove avviene il maggior numero di sottrazioni artistiche

  • 1
  • 1