Mika contro il bagarinaggio con i biglietti nominali

musica

Per il «Relevation Tour» cambiano le regole: il cambio di nome dovrà sottostare a norme e tempistiche precise

Mika contro il bagarinaggio con i biglietti nominali
©web

Mika contro il bagarinaggio con i biglietti nominali

©web

Mika introduce una novità per le 12 tappe del suo «Revelation Tour», che partirà il 28 novembre, nei palazzetti dello sport italiani. È il biglietto nominale, voluto per contrastare la piaga del secondary ticketing, ossia il bagarinaggio online con prezzi che salgono a livelli spropositati.

Barley Arts, l’organizzatore della tournée, informa gli acquirenti sulle modalità che consentono il cambio di denominazione o la rivendita senza lucro. Per le date del tour del 2019 (a Torino, Ancona, Roma, Casalecchio di Reno, Montichiari, Livorno e Assago), il cambio di nominativo potrà essere effettuato a partire da un mese prima del concerto fino al giorno prima (le tempistiche esatte per ogni data saranno pubblicate sui siti dei singoli circuiti di biglietteria ufficiali). Per quanto riguarda i concerti del 2020, le modalità verranno comunicate in seguito.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2
  • 3

    L’infelicità dell’homo sedens

    Società

    Secondo l’etnologo francese Pascal Dibie, «l’ufficio è uno strumento del capitalismo che non cerca di rendere felici gli impiegati e il telelavoro è un disastro»

  • 4

    Le dissonanze di Derain

    Arte

    Il Museo d’Arte di Mendrisio propone una grande mostra antologica che ripercorre la poliedrica parabola
    del rivoluzionario, inquieto e controverso pittore francese - Un personaggio iconico capace di anticipare e trasformare le maggiori correnti del Novecento grazie alla sua creatività vulcanica e al suo inesausto bisogno di verità

  • 5

    Addio a Juliette Gréco, la musa dell’esistenzialismo

    musica

    Si è spenta a 93 anni una delle grandi protagoniste della scena artistica francese ed europea del secondo dopoguerra - Protagonista «di una vita fuori dal comune» ha ispirato moltissimi artisti: da Prévert a Brel, da Sartre a Gainsbourg a Miles Davis

  • 1
  • 1