Moresnet, lo spicchio d’Europa

Geografia

In un saggio più appassionante di un romanzo lo storico e giornalista Philip Dröge racconta l’incredibile vicenda del Moresnet neutrale
minuscolo e indipendente lembo di terra, ricco di zinco, tra Belgio, Paesi Bassi e Germania, dimenticato per oltre un secolo dal diritto internazionale

 Moresnet, lo spicchio d’Europa
Una cartolina ottocentesca che raffigurava la collocazione geografica del Moresnet neutrale.

Moresnet, lo spicchio d’Europa

Una cartolina ottocentesca che raffigurava la collocazione geografica del Moresnet neutrale.

Abbiamo trovato pane per i nostri denti. La Svizzera, si sa, è una specie di parco dei divertimenti per gli appassionati di confini stravaganti, di curiosità topografiche e toponomastiche, di bizzarrie storiche, geografiche e geopolitiche. Per nostra stessa natura qui siamo maestri di enclavi ed exclavi, eccezioni giurisdizionali, particolarità linguistiche, religiose o araldiche, frontiere che si intersecano, si annodano o seguono linee misteriose e imperscrutabili. E anche nella Svizzera italiana non scherziamo tra fiumi che cambiano nome, magari tre o quattro volte, alpeggi contesi per secoli, villaggi che sono per idioma e cultura eccezioni nell’eccezione o territori che hanno una diversa appartenenza a seconda che li si guardi dal punto di vista civile o religioso. Eppure un caso come...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1