Morgan: «Bugo voleva liberarsi di me», duo squalificato dopo la sceneggiata in diretta

Sanremo 2020

Cristian Bugatti ha infatti lasciato il palco dopo che Castoldi aveva cambiato in diretta le parole della loro canzone: un teatrino che è fatto saltare a entrambi la partecipazione dal Festival - IL VIDEO

Morgan: «Bugo voleva liberarsi di me», duo squalificato dopo la sceneggiata in diretta

Morgan: «Bugo voleva liberarsi di me», duo squalificato dopo la sceneggiata in diretta

(Aggiornato alle 13.42) - Colpo di scena legato alla coppia Bugo e Morgan nel corso della serata di venerdì, la quarta, del Festival di Sanremo. Già giovedì sera, durante la terza puntata, Marco Castoldi in arte Morgan aveva minacciato di abbandonare la gara per un presunto boicottaggio da parte dell’orchestra. Ieri poi, una trentina di secondi dopo l’inizio dell’esibizione con la canzone «Sincero», mentre Morgan stava evidentemente steccando, Bugo ha improvvisamente abbandonato la scena.

A quanto pare, Bugo sarebbe andato via perché Morgan ha cambiato in corsa il testo della canzone. «Le brutte intenzioni, la maleducazione la tua brutta figura di ieri sera, la tua ingratitudine, la tua arroganza, fai ciò che vuoi mettendo i piedi in testa. Certo il disordine è una forma d’arte, ma tu sai solo coltivare invidia, ringrazia il cielo che sei su questo palco, rispetta chi ti ci ha portato dentro. Questo sono io». Queste le parole cantate da Morgan prima che il collega Cristian Bugatti se ne andasse.

La musica si è quindi interrotta tra l’imbarazzo di tutti: di Morgan e, ovviamente, dei due presentatori che hanno cercato di sdrammatizzare quello che però, a questo punto, è diventato un caso.

Ironia della sorte: a inizio serata, proprio Bugo ha twittato: «Non manco ad un appuntamento forza». Una manciata di minuti dopo ha però aggiunto: «Avete presente i puffi? Ecco ci sono i puffi da una parte e dall’altra ci sono io, i puffi poveretti giocano io no e tiro dritto». In base alle testimonianze riportate in seguito sui social da molti utenti, pare che Morgan abbia poi cercato di nascondersi da Bugo per evitare improbabili ritorsioni.

La sceneggiata ha insomma creato non poco imbarazzo. Ne sanno qualcosa anche gli interpreti nella lingua dei segni della canzone che si sono ritrovati, anche loro, proprio come Morgan e Amadeus, a dire: «Ma che succede?» (vedi tweet e video di seguito).

La replica di Morgan oggi

«Senza di me Bugo non sarebbe potuto andare a Sanremo», ha detto Morgan in un’intervista a LaRepubblica apparsa oggi. «Non mi sarei mai aspettato che un gesto di bontà da parte mia sarebbe stato ricambiato con una situazione di sciacallaggio. Bugo è caduto vittima di una gestione che lo ha caricato a molla contro di me (...), voleva liberarsi di me, e io invece mi sono liberato di lui e l’ho fatto con le parole», ha spiegato Castoldi.

Lo show messo in piedi dai due ha portato automaticamente alla loro squalifica e all’esclusione dal Festival di Sanremo, una conseguenza che sarebbe probabilmente subentrata anche con il solo cambiamento del testo ma le cui ragioni sono state confermate dall’abbandono del palco. La competizione dei «Big» proseguirà quindi con soli 23 concorrenti.

Nel tardo pomeriggio è arrivata anche la risposta di Bugo e di Valerio Soave, ex manager di Morgan.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1

    Il Locarno Film Festival torna nelle sale

    Rassegne

    Nel corso della sua Assemblea generale ordinaria il Locarno Film Festival ha iniziato a svelare i contorni dell’edizione 2020 della rassegna che prevede anche numerose proiezioni al Gran Rex, al PalaCinema 1 e al PalaVideo di Muralto di pellicole delle varie sezioni - Tra le quali anche l’inedita «Secret Screening», una selezione di dieci film a sorpresa scelti dalla direttrice artistica Lili Hinstin

  • 2
  • 3
  • 4

    Lo strano confessionale di un Belzebù da strapazzo

    Letteratura

    Nel romanzo «Quel dolce nome» del comasco Mario Schiani un misterioso personaggio da tutti odiato e deprecato si trasforma in un confidente al quale, sicuri di non temere il giudizio, affidare i pensieri più intimi e nascosti

  • 5
  • 1
  • 1