Morta Nadia Toffa, storica conduttrice de Le Iene

Televisione

È deceduta a 40 anni dopo aver lottato a lungo contro il cancro - VIDEO

 Morta Nadia Toffa, storica conduttrice de Le Iene
Nadia Toffa. (Foto Instagram)

Morta Nadia Toffa, storica conduttrice de Le Iene

Nadia Toffa. (Foto Instagram)

 Morta Nadia Toffa, storica conduttrice de Le Iene

Morta Nadia Toffa, storica conduttrice de Le Iene

ROMA (aggiornata alle 8.57) - Dopo una lunga battaglia contro il cancro è morta a 40 anni Nadia Toffa, storica conduttrice e inviata della trasmissione televisiva Le Iene. Lo ha annunciato stamattina lo staff della stessa trasmissione sulle proprie pagine social.

«Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all'ultimo, fino a oggi», si legge invece sulla pagina Facebook de Le Iene. Ecco il post de Le Iene nella sua versione integrale: «E forse ora qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, non perde mai. Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all’ultimo, fino a oggi. D’altronde nella vita hai lottato sempre. Hai lottato anche quando sei arrivata da noi, e forse è per questo che ci hai conquistati da subito. È stato un colpo di fulmine con te, Toffa. È stato tanto facile piacersi, inevitabile innamorarsi, ed è proprio per questo che è così difficile lasciarsi. Il destino, il karma, la sorte, la sfiga ha deciso di colpire proprio te, la nostra Toffa, la più tosta di tutti, mentre qualcuno non credeva alla tua lotta, noi restavamo in silenzio e tu sorridevi.

Morta Nadia Toffa, storica conduttrice de Le Iene

Sei riuscita a perdonare tutti, anche il fato, e forse anche il mostro contro cui hai combattuto senza sosta... il cancro, che fino a poco tempo fa tutti chiamavano timidamente “Il male incurabile” e che, anche grazie alla tua battaglia, adesso ha un nome proprio. “Non bisogna vergognarsi di guardarlo in faccia e chiamarlo per nome il bastardo, - dicevi - che magari si spaventa un po’ se lo guardi fisso negli occhi”. E dato che sei stata in grado di perdonare l’imperdonabile, cara Nadia, non ci resta che sperare con tutto il cuore che tu sia riuscita a perdonare anche noi, che non siamo stati in grado di aiutarti quanto avremmo voluto. Ed ecco le Iene che piangono la loro dolce guerriera, inermi davanti a tutto il dolore e alla consapevolezza che solo il tuo sorriso, Nadia, potrebbe consolarci, solo la tua energia e la tua forza potrebbero farci tornare a essere quelli di sempre. Niente per noi sarà più come prima».

La foto pubblicata da Nadia Toffa su Instagram lo scorso 1. luglio. (Foto Instagram)
La foto pubblicata da Nadia Toffa su Instagram lo scorso 1. luglio. (Foto Instagram)

Nadia Toffa non ha esitato a raccontare della la sua malattia sui social network, diventando così un simbolo di forza e voglia di combattere per la vita per molti malati. Il suo ultimo post su Instagram risale allo scorso 1. luglio, prima del peggioramento della malattia. È una foto di lei, sempre sorridente, con il suo cagnolino Totò. «Io e Totò unite contro l’afa ! E dalle vostre parti come va? Vi bacio tutti tutti tutti».

«Fiorire d'inverno», nel periodo più difficile dell'anno. Nadia Toffa aveva intitolato così il suo libro, uscito nel mese di ottobre del 2018 per Mondadori, in cui aveva raccontato la battaglia contro il cancro, provando a lanciare un messaggio di rinascita e di speranza, come ha continuato a fare anche sui social durante i lunghissimi mesi di una battaglia alla quale oggi ha dovuto arrendersi.

Ha provato a trasformare il cancro «in un dono, un'occasione, una opportunità», come aveva scritto nel suo libro, attirandosi attacchi dagli hater del web e critiche, ma conquistando il plauso del mondo della scienza per l'invito ai malati a seguire le uniche cure certe, la chemio e la radioterapia. E aveva instaurato un filo diretto con i suoi fan, tra sorrisi e immagini postate anche dal letto d'ospedale. Un dialogo che si era interrotto da alcune settimane, mettendo in allarme il suo pubblico, preoccupato per il possibile aggravarsi delle sue condizioni. Del resto, a maggio non aveva partecipato all'ultima puntata delle Iene: «La conduttrice - era stato spiegato da Mediaset - ha intrapreso una cura un po' stancante e ha deciso di conservare le energie riposandosi a casa».

Il primo malore l’aveva accusato nel gennaio del 2017, a Trieste: Nadia era stata trasferita in elisoccorso al San Raffaele di Milano per iniziare gli accertamenti. Due mesi dopo era poi tornata dietro il bancone de Le Iene e aveva raccontato ai colleghi e al pubblico di avere il cancro: «Non lo sapeva nessuno. Ho pensato tanto a questo momento... Fra di noi c'e' sempre stata sincerità».

«La fortuna è stata proprio che dopo lo svenimento ho fatto un accertamento, un check-up completo». E aveva rassicurato tutti: «Ora sto benissimo. E rispetto a quello che mi è successo penso non ci sia assolutamente niente di cui vergognarsi, anzi. Ho solo perso qualche chilo, non mi vergogno neanche del fatto che sto indossando una parrucca». E aveva concluso lanciando un monito contro le false cure e i millantatori di guarigioni alternative.

(Foto Instagram)
(Foto Instagram)

La biografia in breve
Nadia Toffa era nata a Brescia il 10 giugno 1979. Dopo il debutto nell'emittenza locale era diventata inviata delle Iene nel 2009, segnalandosi per importanti inchieste sulle truffe ai danni del servizio sanitario nazionale, sulle slot machine, sullo smaltimento del traffico di rifiuti illegali in Campania, sull'Ilva di Taranto (città che le ha conferito la cittadinanza onoraria), sull'infanzia violata. Nel 2016 era stata promossa alla conduzione del programma. Ha raccontato il suo impegno sociale e di denuncia in libri come «Quando il gioco si fa duro», uscito nel 2014, dedicato al problema dell'azzardopatia, e ha ricevuto il Premio internazionale Ischia di giornalismo nel 2015 e il Premio Luchetta nel 2018.

Nadia Toffa e la sua battaglia contro la malattia. (Video Youtube)
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2
  • 3

    Quel colto libraio che amava il Ticino

    Cultura

    Una minuziosa ricerca riporta l’attenzione sulla figura di Beniamino Burstein, libraio antiquario e intellettuale dagli ampi orizzonti nella Lugano di metà Novecento – Illuminante testimonianza di una stagione memorabile per la cultura della Svizzera italiana

  • 4

    Stomp: energia e ritmo della quotidianità

    Spettacoli

    Torna nel finesettimana al FEVI di Locarno uno degli show più coinvolgenti della scena internazionale che in un mix di danza, ritmo e acrobazia, dà voce a molteplici e curiosi oggetti di uso comune ammiccando ai più variati stili sonori della contemporaneità

  • 5
  • 1
  • 1