Morto il fotografo Frank Horvat

lutto

Il reporter è deceduto all’età di 92 anni - Durante l’adolescenza si trasferì con i genitori a Lugano per sfuggire al fascismo

 Morto il fotografo Frank Horvat
©Ti-Press/Gabriele Putzu

Morto il fotografo Frank Horvat

©Ti-Press/Gabriele Putzu

Il fotografo Frank Horvat è morto all’età di 92 anni, ha reso noto oggi la Galleria Lelong di Parigi. Grande viaggiatore, osservatore della moda e della strada, Horvat si trasferì con i genitori all’età di 11 anni a Lugano per sfuggire al fascismo.

Di origini italiane, Frank Horvat è nato nel 1928 ad Abbazia (oggi Opatija, in Croazia) da genitori ebrei e mitteleuropei, entrambi medici, e viveva a Boulogne-Billancourt, vicino a Parigi.

Nel 1950 conosce Henri Cartier-Bresson, che lo incoraggia a intraprendere un viaggio di due anni in Asia come fotoreporter freelance. Negli anni Sessanta, si fa conoscere a livello internazionale per le sue foto di moda, che rinnovano questo genere con uno stile più realistico e meno ingessato.

La maturità a Lugano

Frank Horvat ha passato l’adolescenza a Lugano, in fuga dal fascismo assieme alla famiglia. Qui acquista la sua prima macchina fotografica e ottiene la maturità. Nel 2010 riceve un premio dalla città sul Ceresio e regala alla città 96 sue fotografie.

Dopo la maturità prosegue gli studi a Milano. La professione lo porta a viaggiare molto, in particolare in Pakistan, India, Inghilterra, Stati Uniti e Francia, dove si stabilisce alla fine degli anni Cinquanta.

Diviso tra immediatezza dell’attimo e nostalgia, è anche autore di tre saggi fotografici a colori per mostre e libri.

«Orizzonte visivo»

Nel 2000 il Museo Maillol di Parigi gli dedica una doppia mostra con scatti «vintage» (stampe d’epoca) di «Paris 1950», ma anche «1999, un diario fotografico», una cronaca delle cose viste in 360 giorni, che ha definito «una sorta di pittura composita del (suo) orizzonte visivo».

«Non ho fotografato la guerra, la miseria, la sofferenza o la follia: non per indifferenza verso queste disgrazie, ma perché non sento né la giustificazione morale né il coraggio fisico per affrontare tali situazioni come fotografo», spiegò all’epoca. Per quanto riguarda le celebrità, «non fanno parte del mio mondo», aggiunse.

Fino all’inizio del mese di ottobre era stato oggetto di una mostra nella galleria Lelong, che presentava una serie di ritratti sensuali e colorati di donne nella tradizione della pittura classica. Aveva scelto di ricostruire quadri famosi facendo posare modelle contemporanee.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2
  • 3

    Un secolo di storia del Ticino nelle collezioni del MASI

    Mostre

    Presentando in maniera cronologicamente strutturata (ed integrata da prestiti puntuali) i propri capolavori il Museo d’arte della Svizzera italiana ripercorre le tappe dell’evoluzione culturale del nostro territorio tra Otto e Novecento

  • 4

    Elon Musk: «Ho la sindrome di Asperger»

    USA

    Il patron di Tesla e Space X si è presentato così ai telespettatori del Saturday Night Live: «Sto facendo la storia perché sono la prima persona con la sindrome di Asperger a condurre lo show. O, almeno, la prima ad ammetterlo»

  • 5

    «La bellezza della vita intagliata nel legno»

    arte

    Ormai locarnese d’adozione, l’artista Pascal Murer racconta delle sue sculture che nascono dai tronchi: «Provo a rappresentare il senso della nostra esistenza con la leggerezza e la luce» - VIDEO

  • 1
  • 1