Morto l’editore e scrittore Roberto Calasso

italia

L’80.enne si è spento ieri sera a Milano, era malato da tempo

Morto l’editore e scrittore Roberto Calasso
© Web

Morto l’editore e scrittore Roberto Calasso

© Web

(Aggiornato alle 11.33) Lo scrittore ed editore Roberto Calasso, presidente e consigliere delegato della casa editrice Adelphi, è morto a Milano all’età di 80 anni dopo una lunga malattia.

Era nato a Firenze il 30 maggio 1941. Saggista e narratore, nel 1962, a soli 21 anni, entrò a far parte di un piccolo gruppo di persone che, insieme a Roberto Bazlen e Luciano Foà, stava elaborando il programma di una nuova casa editrice: sotto la sua guida Adelphi è diventata uno dei marchi più importanti nell’editoria di qualità. Proprio oggi escono in libreria i suoi ultimi due libri, «Bobi» e «Memé Scianca».

Figlio del giurista Francesco Calasso e di Melisenda Codignola, a sua volta figlia del pedagogista Ernesto Codignola, e fratello minore del regista Gian Pietro Calasso, Roberto Calasso frequentò il liceo classico Torquato Tasso di Roma e, successivamente, si laureò in letteratura inglese con Mario Praz discutendo una tesi dal titolo «I geroglifici di Sir Thomas Browne». Nel 1962 prese parte alla fondazione di Adelphi, di cui attualmente era proprietario come azionista del 71% del capitale. L’editore e scrittore era sposato con la scrittrice svizzera Fleur Jaeggy.

Roberto Calasso nel 2000 è stato visiting professor for European Comparative Literature per la cattedra Weidenfeld presso l’Università di Oxford, dove ha tenuto le Weidenfeld Humanitas Lectures, poi raccolte l’anno successivo in «La letteratura e gli dèi», volume per il quale ha ricevuto il Premio Speciale Viareggio-Rèpaci e il Premio Bagutta. Per «Le nozze di Cadmo e Armonia», pubblicato in 22 paesi, ha ricevuto nel 1991 il Premio europeo Charles Veillon per la saggistica e il Prix du Meilleur Livre Etranger, mentre nel 2012 è stato insignito del Prix Chateaubriand per «La Folie Baudelaire».

Per l’insieme della sua opera ha ricevuto nel 1996, a Vienna, l’Europäischer LiteraturPreis, il Warburg Preis nel 2007 e il Premio Formentor de las Letras nel 2016. Come editore è stato insignito del «Reconocimiento al Mérito Editorial» alla Fiera internazionale del libro de Guadalajara nel 2004 e il Premio Gogol nel 2011.

Nel 1993 Calasso è stato eletto Literary Lion a New York; nel 2000 è stato nominato Foreign Honorary Member della American Academy of Arts and Sciences; nel 2007 in Francia è stato insignito dei titoli di Commandeur de l’Ordre des Arts et des Lettres e di Chevalier de la Légion d’Honneur. Nel 2013 l’Università degli Studi di Perugia gli ha conferito la laurea magistrale honoris causa in lingue e letterature moderne. Nel 2015 è stato nominato Foreign Honorary Member della American Academy of Arts and Letters. Nel 2003, in occasione del quarantennale della casa editrice Adelphi, ha raccolto una parte dei 1.086 risvolti di copertina di cui è autore in «Cento lettere a uno sconosciuto». Nel 2008 una parte della sua tesi di laurea è apparsa come introduzione a «Religio Medic»i di Thomas Browne, mentre il testo integrale è uscito in Messico presso Sexto Piso e Fondo de cultura económica nel 2010.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2

    «Da quella mia intervista a bin Laden all’Afghanistan di oggi»

    festival endorfine

    Hamid Mir, giornalista pakistano noto per essere l’unico ad aver ottenuto un colloquio con il leader di al-Qaida dopo l’attentato dell’11 settembre, ci fornisce alcuni spunti per un’analisi più dettagliata di quanto sta accadendo nel Paese - «Non ci sono altre opzioni, bisogna dialogare con i talebani per aiutare la popolazione afghana»

  • 3

    Buon compleanno, Ivano Fossati

    musica

    Dieci anni fa ha dato l’addio alle scene, ma non ha mai abdicato al suo ruolo di intellettuale raffinato, artista schivo e musicista d’eccezione: domani, 21 settembre, compie 70 anni

  • 4

    Emmy Awards 2021: a trionfare sono «The Crown» e «Ted Lasso»

    spettacolo

    La quarta stagione della pluripremiata saga sulla famiglia reale britannica ha vinto il premio per la migliore serie drammatica regalando a Netflix la sua prima statuetta nella categoria - Alla serie con Jason Sudeikis la corona per la commedia - Premiata anche «La regina degli scacchi»

  • 5

    Addio ad Anna Chromy

    Lutto

    Pittrice e scultrice, forgiò la sua arte in Austria e Francia e studiò con Salvador Dalì: aveva 81 anni

  • 1
  • 1