Morto Philippe Jaccottet, poeta, traduttore e critico letterario

Letteratura

Il vodese, le cui opere sono state tradotte anche in cinese, è mancato all’età di 95 anni mentre si trovava nella sua casa, nel sud della Francia

Morto Philippe Jaccottet, poeta, traduttore e critico letterario
©Wikipedia

Morto Philippe Jaccottet, poeta, traduttore e critico letterario

©Wikipedia

Il poeta, traduttore e critico letterario svizzero Philippe Jaccottet è morto all’età di 95 anni al suo domicilio di Grignan, nel sud della Francia. Il vodese è stato uno dei rari scrittori svizzeri (accanto a Jean-Jacques Rosseau, Blaise Cendrars e Charles-Ferdinand Ramuz), e il solo vivente, a essere stato pubblicato nella Bibliothèque de la Pléiade, la più prestigiosa collana editoriale francese.

Il decesso è stato comunicato a Keystone-ATS dalla famiglia. Jaccottet era nato il 30 giugno 1925 a Moudon (VD). Dopo gli studi in lettere all’università di Losanna, ha vissuto a Parigi per un breve periodo, lavorando come corrispondente dell’editore Henry-Louis Mermod (che aveva conosciuto a Losanna nel 1944). Nel 1953 si è stabilito a Grignan con la moglie neocastellana Anne-Marie, illustratrice e pittrice. I funerali si svolgeranno nella più stretta intimità.

È considerato uno dei maggiori poeti europei. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Gran Premio Schiller nel 2010, e un numero considerevole di saggi è stato dedicato alla sua opera. Accanto alla poesia, ha pubblicato numerosi volumi in prosa, diari, riflessioni sulla poesia, in particolare quella francese, e sulla traduzione.

Ha tradotto in francese dal greco antico (l’Odissea di Omero), dal tedesco (Goethe, Hölderlin, Rilke, Thomas Mann, Ingeborg Bachmann, tutta l’opera di Musil), dall’italiano (Leopardi, Cassola, Ungaretti, Giovanni Raboni), dallo spagnolo (Góngora) e anche dal russo (Osip Emilevic Mandelstam, Marina Ivanovna Cvetaeva), dal ceco e dal giapponese.

Il poeta si è rivelato durevolmente con la pubblicazione, presso l’editore Gallimard, lo stesso che cura la Pléiade, di «Airs» nel 1967. «Questa raccolta ebbe l’effetto di una rivelazione», diceva la scorsa estate a Keystone-ATS José-Flore Tappy, poetessa e amica intima dello scrittore, che ha diretto la pubblicazione delle sue opere nella Pléiade.

Il vodese ha dato risposte ad aspettative diffuse dopo la Seconda Guerra mondiale, quando tutto doveva essere ricostruito. Per gli scrittori e i poeti, non fu facile riprendere la penna. Come si può continuare a scrivere? Cosa si può dire? Jaccottet, come molti altri, si è posto queste domande, affermava Tappy.

Recentemente tradotto in cinese

Prova che le parole di Jaccottet continuano ad avere ampia risonanza, il saggio «Le Bol du pèlerin» (edito da Morandi nel 2001) è stato recentemente tradotto in cinese. Più di 8000 copie del libro sono state pubblicate per accompagnare una grande mostra dedicata al pittore italiano Giorgio Morandi, aperta a Pechino lo scorso dicembre.

La sua opera è stata tradotta in una ventina di lingue ed è stata resa interamente in tedesco da Hanser, di Monaco di Baviera, con un’ultima pubblicazione nel 2018: «Gedanken unter den Wolken»(titolo originale «Pensées sous les nuages», del 1983). È anche abbondantemente disponibile in italiano grazie al poeta e critico letterario ticinese Fabio Pusterla, che ha anche curato la prefazione alla Pléiade.

I suoi archivi sono depositati alla Biblioteca cantonale e universitaria di Losanna.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1