«Occhi, cuore e cervello per i film per ragazzi»

L’intervista

Con Giancarlo Zappoli abbiamo parlato di problemi e tendenze in atto in questo ambito del tutto particolare della produzione audiovisiva - Senza scordare il programma di Castellinaria

«Occhi, cuore e cervello per i film per ragazzi»
© CdT/Archivio

«Occhi, cuore e cervello per i film per ragazzi»

© CdT/Archivio

È direttore artistico di Castellinaria da ben 22 edizioni e si può quindi considerare un vero esperto di cinema per ragazzi. Con Giancarlo Zappoli abbiamo parlato di problemi e tendenze in atto in questo ambito del tutto particolare della produzione audiovisiva. Senza scordare il programma di Castellinaria 2019.

Lei è reduce da un incontro europeo in Germania tra direttori di festival di cinema per ragazzi: cosa ne è scaturito? «Sono stato a Chemnitz, nell’ex Germania dell’Est, dove in concomitanza con un festival si è tenuto un seminario, organizzato dall’ECFA (European Children’s Film Association: ndr.) di cui siamo tornati a far parte dallo scorso anno, con partecipanti provenienti anche da Paesi extraeuropei. Le discussioni ruotavano in particolare attorno ai modelli che possono seguire...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1