Paolo Rossi: «È un momento difficile ma creativamente importante»

Teatro

Nostra intervista al comico italiano, in scena al LAC di Lugano con un nuovo spettacolo «Pane o libertà»

 Paolo Rossi: «È un momento difficile ma creativamente importante»

Paolo Rossi: «È un momento difficile ma creativamente importante»

Nonostante non sia più di primo pelo (a giugno ha infatti tagliato il traguardo delle 67 primavere) Paolo Rossi continua ad essere l’enfant terrible del teatro italiano. Una reputazione costruita in oltre trent’anni di quello che lui definisce «teatro d’emergenza», istrionico, anticonformista, ribelle, provocatorio che unisce modernità e tradizione, elementi colti e cabaret. Elementi che si ritrovano anche in Pane o libertà - Su la testa, che martedì 27 e mercoledì 28 metterà in scena al LAC di Lugano. Ne parliamo con il diretto interessato.

Anzitutto: da uomo di teatro, come sta vivendo questo periodo decisamente confuso?«È un momento creativamente molto importante e interessante, anche per le visioni dei possibili orizzonti futuri del teatro. Specie per chi ha praticato come me il teatro...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Mauro Rossi
Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1