Pronto ad andare in scena «Il castello incantato»

Spettacoli

Il 22. Festival internazionale di teatro di figura si terrà dal 15 agosto al 5 settembre nelle piazze del Locarnese e del Gambarogno

Pronto ad andare in scena «Il castello incantato»

Pronto ad andare in scena «Il castello incantato»

Pronto ad andare in scena «Il castello incantato»

Pronto ad andare in scena «Il castello incantato»

Pronto ad andare in scena «Il castello incantato»

Pronto ad andare in scena «Il castello incantato»

Il 22. Festival internazionale di teatro di figura «Il castello incantato» si terrà dal 15 agosto al 5 settembre nelle piazze del Locarnese e del Gambarogno. Per garantire le attuali misure anti-contagio, gli organizzatori puntano su spettacoli leggeri, gratuiti e per tutte le età, che invitano ad una filosofia lieve di comunità in un’estate diversa dalle altre. Sei spettacoli sono creati da donne o assieme ad artiste, e protagonisti danno vita a svariate streghe e fate, gnomi e giganti, ma anche ad ingenui sempliciotti come Arlecchino e Pirù, che affrontano i perfidi della tradizione, tiranni, diavoli, draghi. In scena burattini, marionette, ombre, oggetti animati, attori e musici che raccontano con ironia e divertimento la realtà e l’immaginazione. I personaggi che invaderanno le piazze, le rive del lago, i monti faranno sognare e rabbrividire, diventano specchio e parodia dell’umanità.

Le compagnie di questa edizione provengono tutte da Svizzera e Italia e sperimentano burattini e marionette in tutte le sfumature del teatro di figura dalle più tradizionali alle più ardite, per il divertimento di un pubblico sempre molto variegato. Si comincia a Ferragosto con Pirù e la vendetta di Teodoro in cui Pirù, il personaggio icona del burattinaio Walter Broggini, sfida e infine vince il cattivo: appuntamento dunque il 15 agosto alle 20.30 a Cardada Pineta (annullato in caso di brutto tempo annullato, funivia con prezzi speciali dalle 17.15). Ispirati alla tradizione anche gli spettacoli Sacco vuoto, sacco pieno, sull’onestà, in chiave ironica e popolaresca, della compagnia C’è un asino che vola, che vede protagonisti due contadini ingenui ma scaltri (23 agosto, Minusio, Lungolago Portigon, alle 18) e Lo strano pranzo di Hansel e Gretel, versione scoppiettante della fiaba dei Fratelli Grimm de La casa degli gnomi, dove la baracca girevole è ora la casa dei genitori, ora quella della strega in un gioco di trasformazioni (26 agosto Magadino, Bagno spiaggia). E poi via via fino alla chiusura il 5 settembre a Locarno...

Il programma completo su www.teatro-fauni.ch. Segnaliamo inoltre che dal 24 al 28 agosto tutte le mattine, Vicky De Stephanis tiene il tradizionale Laboratorio di costruzione e animazione pupazzi per ragazzi dai 6 ai 12 anni nell’Atelier Teatro dei Fauni a Locarno (iscrizioni entro il 22 agosto allo 079/331.35.56; fauni@teatro-fauni.ch).

Pronto ad andare in scena «Il castello incantato»
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1