Quando a Roma il potere cominciò a colorarsi di rosa

Saggistica

Due volumi esplorano le circostanze militari e civili alla fine dell’età repubblicana che portarono le matrone al centro della scena politica e culturale di una realtà storicamente e tradizionalmente del tutto maschile

 Quando a Roma il potere cominciò a colorarsi di rosa
Lawrence Alma-Tadema, Donne gallo-romane, (1865).

Quando a Roma il potere cominciò a colorarsi di rosa

Lawrence Alma-Tadema, Donne gallo-romane, (1865).

In un volume dello storico Federico Santangelo, Roma repubblicana, di recente uscita presso l’editore Carocci, sono tracciati i profili di quaranta personaggi che contarono nei cinque secoli della repubblica romana. Fra i primi trenta, solo due donne: Lucrezia, che violentata dal figlio di Tarquinio il Superbo si uccise provocando così la fine della monarchia dei Sette Re; e Cornelia...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1