Quando Bob Dylan incontrò George Harrison

Recensione

Arriva nei negozi «1970», tre dischi con le registrazioni delle leggendarie session che cinquant’anni fa portarono l’artista alla realizzazione di «Self Portrait» e «New Morning» ma che includono anche nove inedite collaborazioni tra il menestrello di Duluth e il «Quiet Beatle»

Quando Bob Dylan incontrò George Harrison
Quella fra George Harrison e Bob Dylan è stata una lunga e proficua amicizia.

Quando Bob Dylan incontrò George Harrison

Quella fra George Harrison e Bob Dylan è stata una lunga e proficua amicizia.

Ricordate i Traveling Wilburys? È stato l’ultimo grande supergruppo, davvero grande e davvero super quanto può esserlo una band che coinvolge un Beatle – George Harrison – il futuro Premio Nobel Bob Dylan, un grande del rock come Tom Petty, un alchimista del pop come Jeff Lynne (leggi Electric Light Orchestra) e, infine, un padre putativo del rock’n’roll come Roy Orbison.

Correvano gli anni Ottanta e quel quintetto (ridotto poi in formazione a quattro dalla prematura scomparsa di «The big O») snocciolò un paio di album divertenti e deliziosi. Ma i semi di quel progetto risalgono a molti anni prima. A quando i Fab 4 incontrarono un Dylan particolarmente stupito che quegli abili inglesi confezionatori di hit non avessero mai provato le delizie più... stupefacenti. E se si può pensare che lui e...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2

    Le (foto)storie locarnesi fanno doppietta allo Swiss Press Photo

    riconoscimento

    Pablo Gianinazzi vince il premio per un servizio fotografico all’ospedale La Carità, il primo dedicato alla cura dei pazienti COVID in Svizzera, e Didier Ruef si aggiudica il terzo posto nella categoria «Storie Svizzere» con il progetto MOPS_DanceSyndrome, l’unica scuola e compagnia di danza in Europa composta interamente da giovani adulti con Sindrome di Down

  • 3

    Il doppiatore di Apu dei Simpson chiede scusa

    Televisione

    Hank Azaria, storica voce nella versione americana, ha spiegato ai microfoni del podcast «Armchair Expert» che «vorrebbe andare da ogni singolo indiano negli Stati Uniti» per scusarsi dell’eccessiva caratterizzazione del personaggio

  • 4
  • 5

    Troppe incertezze: salta anche l’Open Air

    MUSICA

    Monte Carasso, il tradizionale appuntamento di inizio estate all’ex Convento non si svolgerà per il secondo anno consecutivo a causa delle troppe incognite legate all’emergenza sanitaria

  • 1
  • 1