Quando la musica è da leggere

Tendenze

Ormai anche il panorama editoriale italiano è sempre più ricco di pubblicazioni di ottima qualità legate a vario titolo al mondo delle sette note - Diamo uno sguardo, spaziando tra i generi e le collane, alle uscite più interessanti cominciando da un saggio dedicato a Dylan

 Quando la musica è da leggere
Il menestrello di Duluth a metà degli anni Sessanta.

Quando la musica è da leggere

Il menestrello di Duluth a metà degli anni Sessanta.

Una volta erano pochi per genere. Oggi sono moltissimi, e, salvo ovvie eccezioni, di qualità crescente. E per quanto il loro mercato di riferimento non sia vasto come quello dei concerti o dei dischi, i libri musicali vendono e si moltiplicano ovunque, diversificandosi in grandi opere, monografie, biografie, guide a brani e dischi, discografie critiche e generali, saggi teorici, riflessioni, autobiografie, pamphlet polemici e quant’altro. Da anni, almeno trenta, sono nate vere e proprie serie specificamente dedicate a singoli generi (pensiamo, limitandoci al panorama italiano, a quelle di EDT, Minimum Fax, Quodlibet, Lim, Stampa Alternativa e Shake sul jazz e il blues, Arcana, Giunti, Hoepli e Stampa Alternativa sulla popular music, a quelle di Squilibri e Nota sulla musica etnica, a quelle...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1