Quell’omissione di soccorso dell’editoria francese

la riflessione

Il maggiore editore dell’esagono, Gallimard, ha recentemente invitato tutti gli aspiranti autori a sospendere l’invio di nuovi manoscritti – Una mossa che ha suscitato polemiche e preoccupazioni nell’ambiente culturale suggerendo qualche considerazione sul ruolo e la missione degli operatori letterari

Quell’omissione di soccorso dell’editoria francese

Quell’omissione di soccorso dell’editoria francese

Non so il perché ma la formula che mi verrebbe più naturale è presa a prestito dai codici penali e civili. Penso all’omissione di soccorso, un reato punito, come giusto, in tutti i codici del mondo. Esiste una omissione di soccorso in letteratura? Per alcuni sì, anche se non viene definita in questo modo. Ma partiamo dall’inizio. Da qualche giorno sono comparse sul sito di una celebre e importante casa editrice francese, Gallimard, due righe lapidarie: «Date le circostanze eccezionali, vi chiediamo di soprassedere all’invio di manoscritti. Abbiate cura di voi e buone letture». Per non sbagliarsi, l’avviso, se così possiamo chiamarlo, è stato postato anche sul profilo twitter della casa editrice. La cosa ha generato molta perplessità nel mondo letterario. Anche qualche polemica. E forse tra...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2
  • 3

    Il crollo verticale di Clubhouse: da primo a ultimo della classe

    Social network

    Il boom iniziale è stato soppiantato da un’importante perdita d’interesse e download da parte degli utenti – La rivincita dell’audio si è trasformata in un pericoloso cortocircuito – L’esperto Vincenzo Cosenza: «Non è ancora la morte del social, ma riuscirà a vivere di vita propria solo se verrà inserito in un ecosistema di offerte più ampio, solo la voce è riduttivo»

  • 4

    Il Basquiat di Giammetti vola all’asta

    arte

    Il grande teschio del 1983 «In This Case» dell’artista è stato venduto all’incanto da Christie’s per oltre 93 milioni di dollari, ben oltre la stima di partenza di 50 milioni

  • 5

    Il ritorno del «prog»

    musica

    Corrente del rock tra le più amate negli anni Settanta, da una decina d’anni è tornata d’attualità in tutto il mondo, Svizzera italiana compresa, sulla spinta di un sempre più marcato bisogno da parte di un consistente segmento di pubblico di suoni meno plastificati e di composizioni più articolate

  • 1
  • 1