«Scrivere è una forma di pensiero che ti porta molto più lontano»

l’intervista

Lo scrittore e critico letterario italiano Emanuele Trevi sarà ospite dell’VIII edizione degli Eventi letterari Monte Verità - Domenica 1. novembre alle 15 chiuderà la manifestazione insieme alla scrittrice georgiana Nino Haratischwili e Fabio Pusterla: lo abbiamo intervistato in anteprima.

«Scrivere è una forma di pensiero che ti porta molto più lontano»

«Scrivere è una forma di pensiero che ti porta molto più lontano»

Nel suo ultimo libro Due vite (Neri Pozza, 2020) lei racconta la vita di due suoi amici scrittori prematuramente scomparsi e legati da una profonda amicizia, Rocco Carbone e Pia Pera. Com’è nato questo libro?

«I personaggi sono persone che mi mancano, il tema è la mancanza. Un giorno ho trovato casualmente delle fotografie di noi tre mentre stavo scrivendo un altro libro e mi sono sentito come chiamato. Era il momento giusto per raccontare questa storia. In qualche modo il caso e il destino sono due cose opposte, il destino aiuta il caso e viceversa, e da questo ritrovamento è partito tutto».

Cosa ha voluto evidenziare con la scelta di questi personaggi?

«Sono l’unica persona che è rimasta viva di quest’amicizia tra tre persone e credo che questa sia un po’ la seconda vita per questi miei due...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1