Tra gli antichissimi dipinti del nostro Medioevo

Il decodificatore

Irene Quadri ci racconta i capolavori della pittura muraria tra XI e XIII secolo - Un libro fresco di stampa per raccontare il ricco patrimonio artistico ancora visibile nel Cantone

Tra gli antichissimi dipinti del nostro Medioevo
Alcuni splendidi dipinti nel Battisero di Riva San Vitale. © Chiara Zocchetti

Tra gli antichissimi dipinti del nostro Medioevo

Alcuni splendidi dipinti nel Battisero di Riva San Vitale. © Chiara Zocchetti

Viviamo in un momento che va continuamente decodificato per essere capito, ma anche per capire il nostro presente occorre conoscere il passato. Un capitolo particolarmente affascinante della nostra storia locale riguarda l’arte romanica e, in particolare, gli affreschi di quell’epoca. Ne parliamo con la storica dell’arte medievale ticinese Irene Quadri che giovedì alle 18.30 presenterà il suo saggio La pittura murale tra XI e XIII secolo in Canton Ticino (Silvana editoriale) alla Filanda di Mendrisio.

Il fenomeno
«La pittura murale Ticinese tra XI e XIII secolo – ci spiega – va inquadrata nelle relazioni sinergiche che intrattiene con altre realtà artistiche dell’epoca: con i centri della Lombardia, e più in particolare con le città e le diocesi di Como e Milano – alla cui giurisdizione politica ed ecclesiastica le terre del Ticino erano sottomesse – ma anche con la cultura figurativa più latamente “europea”, alla cui fisionomia la produzione artistica del Canton Ticino ha partecipato attivamente. Si tratta insomma di inserire queste opere, alcune delle quali di alto valore, nel réseau dei grandi fatti artistici dei secoli XI-XIII, al fine di sottrarle definitivamente a quella posizione periferica che per lungo tempo si è loro attribuita».

La storica dell’arte Irene Quadri. © Chiara Zocchetti
La storica dell’arte Irene Quadri. © Chiara Zocchetti

Gli autori
«I nomi degli autori di queste opere non ci sono pervenuti, ma è © possibile tracciare a grandi linee la fisionomia di alcune delle botteghe coinvolte. La lettura incrociata dei pochi dati storici e documentari che possediamo sugli ambiti della committenza e dei risultati delle indagini storico-artistiche, mettono in evidenza le matrici culturali di riferimento delle opere e consentono di capire in quali circuiti e per quale tipo di pubblico queste maestranze operavano».

I soggetti
«La pittura murale ticinese di questi secoli offre grande ricchezza dal punto di vista del repertorio dei temi raffigurati che spaziano dal campo narrativo a quello delle immagini teofaniche. I modelli di riferimento sono molteplici e mostrano la vitalità delle maestranze di cui sopra, nonché l’apertura della regione verso culture visuali disparate. Si va dalle storie cristologiche sulle pareti della navata nella chiesa dei Santi Gervasio e Protasio a Cadempino e nel San Pietro a Sureggio, passando per le vicende relative al martirio dei santi Nazario e Celso nella chiesa a loro intitolata a Dino, fino ad arrivare alle Maiestas Domini nelle absidi della cappella nel castello San Materno di Ascona, degli oratori di Rovio e Camignolo e all’eccezionale Parusia sulla controfacciata della chiesa di San Carlo a Prugiasco-Negrentino».

I luoghi
«Se dovessi raccomandare la visita di un sito in ogni regione del Ticino ecco cosa proporrei: Mendrisiotto: battistero di Riva San Vitale; Luganese: oratorio dei Santi Gervasio e Protasio a Cadempino; Locarnese: cappella del castello San Materno ad Ascona (oggi Museo Castello San Materno); Valli superiori: chiesa di San Carlo a Prugiasco-Negrentino», conclude Irene Quadri. C.S.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1

    Il fascino della scacchiera

    La riflessione

    Il grande successo della serie televisiva «Regina di Scacchi» in programmazione su Netflix ha fatto rifiorire l’interesse attorno questo gioco brutale, terribile e complicato, che chiede strategia, intelligenza, non sopporta la superficialità e riflette quell’inconscio desiderio di complessità che la moderna società per troppo tempo ha cercato di banalizzare

  • 2

    «A riveder le stelle» con il Teatro alla Scala

    musica

    Presentato l’originale spettacolo con cui il 7 dicembre prenderà il via la stagione della struttura milanese – Non sarà un’opera ma un variegato mosaico di musica, danza e recitazione cui hanno aderito tante stelle di caratura mondiale messo in scena senza pubblico e in diretta tv

  • 3
  • 4

    Sei lezioni per tre giganti

    Poesia

    Sono state raccolte in volume, per i tipi di Giampiero Casagrande, le conferenze tenute nei licei ticinesi dal noto critico letterario Gilberto Lonardi - Tra Leopardi, Montale e Giorgio Orelli un viaggio seducente e rigoroso nella bellezza di alcune tra le massime esperienze liriche della tradizione occidentale

  • 5

    Il blues dell’Alligatore

    Televisione

    Debutta domani su Rai2 la serie tratta dai romanzi di Massimo Carlotto – «Un hard-boiled in salsa mediterranea» in un Veneto dipinto come «una Louisiana triste» con la musica afroamericana a fare da collante a storie di criminalità ambientale

  • 1
  • 1