Un malinconico e divertente addio

Lucky, l'ultima interpretazione di un grande Harry Dean Stanton

Un malinconico e divertente addio
Harry Dean Stanton

Un malinconico e divertente addio

Harry Dean Stanton

Lucky per molti è il vincitore morale dell'ultimo Festival del film di Locarno. È piaciuto alla critica, è piaciuto al pubblico. E il palmarès principale lo ha clamorosamente ignorato. Solo la Giuria ecumenica ha avuto la sensibilità di assegnargli il suo riconoscimento. Diretto dallo statunitense John Carroll Lynch, attore caratterista di lungo corso qui al riuscito debutto alla regia – è stato il killer di Zodiac e l'inquietante clown di American Horror Story – Freakshow – è un piccolo film, divertente e commovente. Ma è incentrato sul volto scavato di un grandissimo Harry Dean Stanton, scomparso nelle scorse settimane, che interpreta un personaggio che è stato scritto proprio pensando a lui. Poche parole, tempi dilatati, personaggi surreali. Non inventa nulla Lucky, queste cose le abbiamo già viste in tantissimi film indipendenti. Ma qui, a differenza di troppe altre volte, hanno un senso. Lucky è un novantenne che vive in un paesino del sud ovest degli Stati Uniti. Un'ambientazione alla Paris Texas tanto per citare uno dei film più noti di Stanton. È attaccato alla sua routine, ai suoi rituali. Gli esercizi mattutini, i cruciverba e i giochi a premi in tv, le mille sigarette che fuma, le lunghe passeggiate. Un solitario spigoloso, con una visione del mondo tutta sua, che in realtà è amato da tutta la stramba comunità, un gruppo di amici che con lui si ritrova al Diner's o in un locale notturno della cittadina. Nel cast ci sono amici reali di Stanton, come David Lynch e Tom Skerritt,. E una galleria di personaggi come il fidanzato della padrona del night con la sua parola-mantra che tutto riassume: «'ngaz». Lucky si confronta con la grande verità, la sua vita sta finendo. Il film evoca sì la morte, ma è tutt'altro che triste, anzi è divertente. E segue il suo splendido protagonista con affetto e tenerezza palpabile, fino a un finale autenticamente poetico.

Il trailer originale
©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
    musica

    «A riveder le stelle» con il Teatro alla Scala

    Presentato l’originale spettacolo con cui il 7 dicembre prenderà il via la stagione della struttura milanese – Non sarà un’opera ma un variegato mosaico di musica, danza e recitazione cui hanno aderito tante stelle di caratura mondiale messo in scena senza pubblico e in diretta tv

  • 2
  • 3
    Poesia

    Sei lezioni per tre giganti

    Sono state raccolte in volume, per i tipi di Giampiero Casagrande, le conferenze tenute nei licei ticinesi dal noto critico letterario Gilberto Lonardi - Tra Leopardi, Montale e Giorgio Orelli un viaggio seducente e rigoroso nella bellezza di alcune tra le massime esperienze liriche della tradizione occidentale

  • 4
    Televisione

    Il blues dell’Alligatore

    Debutta domani su Rai2 la serie tratta dai romanzi di Massimo Carlotto – «Un hard-boiled in salsa mediterranea» in un Veneto dipinto come «una Louisiana triste» con la musica afroamericana a fare da collante a storie di criminalità ambientale

  • 5
    Musica

    Il futuro del pop è sempre più da «single»

    La rivoluzione tecnologica e il boom delle piattaforme di streaming hanno rivoluzionato il mercato discografico spingendo artisti e etichette ad limitare la produzione di album e a ritornare alla formula, in auge negli anni Sessanta e Settanta del «singolo» che una volta era in vinile ed oggi è digitale – Ma i cui meccanismi sono i medesimi

  • 1