Un po’ di Ticino alla fashion week di Milano

moda

Sophia Nubes debutta all’importante evento di moda con una collezione dedicata alla cultura senza pregiudizi

Un po’ di Ticino alla fashion week di Milano

Un po’ di Ticino alla fashion week di Milano

La moda deve parlare e prendere posizione per essere realmente inclusiva e mandare un messaggio forte contro la violenza e i pregiudizi, a partire da quello che si indossa. Parte da questo presupposto la creatività di Elena Pioli, Founder&Creative Director di Sophia Nubes, azienda con sede a Lugano, e che trova la sua massima espressione nel manifesto WEAREAHEAD: emblema di una moda forte e autentica. La collezione FW 2021-22 debutta in occasione della Milan Fashion Week con uno streaming live il prossimo 26 febbraio, online su SophiaNubes.com e @Sophia_Nubes.

Una visione concreta perché il brand ha scelto di collaborare attivamente con Le Pavillon Blanc, l’associazione fondata da Stéphane Ebongue, giornalista e rifugiato politico camerunense, a sostegno delle persone albine e disabili, e ha voluto come testimonial Oxana, modella africana albina, giovane portavoce del progetto e da sempre attiva nella lotta contro le disuguaglianze e ogni forma di discriminazione. “Abbiamo voluto concentrare la nostra attenzione sui progetti portati avanti da questa associazione dedicati alla situazione degli albini, ipovedenti dalla nascita e discriminati per il colore della pelle puntando su chi, come Oxana, ha usato la sua celebrità per sensibilizzare su una situazione poco conosciuta” ha commentato Elena Pioli - “Il nostro brand è inclusivo nella misura in cui racconta valori diversi nei quali la community si può ritrovare e che può percepire attraverso le nostre collezioni e i messaggi che queste contengono”.

Un impegno nel sociale connaturato a Sophia Nubes che da sempre ha scelto di mettersi in prima linea a sostegno delle minoranze e a favore della ricerca scientifica facendosi portavoce di uno stile che, trascendendo il puro lifestyle, condivide valori e contenuti di impatto. In questo contesto si inserisce anche l’appoggio dato a Dress for Success con la creazione di una t-shirt customizzata WeAreAhead i cui ricavi della vendita andranno a supportare le attività dell’associazione volte a favorire l’empowerment femminile all’insegna di una filosofia realmente inclusiva.

Un messaggio che trova riscontro nella collezione FW 2021 che si esprime prima di tutto attraverso i codici dell’arte contemporanea. E che prende vita anche dalla collaborazione con Ottavio Mangiarini, uno degli artisti di punta del Rivellino di Locarno, i cui quadri sono diventati protagonisti di una selezione di camicie Sophia Nubes. Nel cuore della sua estetica la naturalità del mare d’inverno e della sabbia del deserto, enfatizzati da una palette intensa graffiata da stampe animalier. Il tutto declinato nella texture d’elezione del brand, il jersey, lavorato con mano sartoriale ed esploso tra punti luce e strass che illuminano la femminilità di giacche, pantaloni, abiti e capispalla. Perché l’estetica realmente autentica di Sophia Nubes usa la bellezza per mandare messaggi forti che invitino attivamente a occuparsi di quanto succede nel mondo e ricordare sempre l’importanza della solidarietà, dell’umanesimo, dei diritti delle persone.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1