«Vi racconto LeBron James e il sogno americano»

L’intervista

Amos Sussigan, ticinese, vive e lavora a Los Angeles: regista, sceneggiatore, visual designer, ha appena partecipato agli Oscar in quanto membro dell’Academy e si è occupato delle animazioni di «Space Jam: A New Legacy» in uscita a luglio

«Vi racconto LeBron James e il sogno americano»
© CdT/Chiara Zocchetti

«Vi racconto LeBron James e il sogno americano»

© CdT/Chiara Zocchetti

È ticinese. E vive a Los Angeles, la fabbrica dei sogni. Amos Sussigan, classe 1989, è un artista a 360 gradi. Regista, sceneggiatore, visual designer. Partito da Locarno, ha conquistato l’America. E, di riflesso, il mondo. Per dire: Coaster, il suo cortometraggio del 2019, era in lizza per gli Oscar 2020. Quest’anno, invece, Amos era fra i giurati in quanto membro dell’Academy. Di più, il suo nome è legato allo sviluppo delle animazioni di Space Jam: A New Legacy in uscita a luglio. Sì, il film con LeBron James.

Partiamo dalle statuette: che giudizio dà a questi Oscar? Strani, particolari?

«Strani, sì. Non abbiamo potuto viverli come al solito. Vero, era il mio primo anno come membro dell’Academy. Per una ragione o per l’altra, però, magari perché avevo un cortometraggio qualificato agli Oscar,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2
  • 3

    Il crollo verticale di Clubhouse: da primo a ultimo della classe

    Social network

    Il boom iniziale è stato soppiantato da un’importante perdita d’interesse e download da parte degli utenti – La rivincita dell’audio si è trasformata in un pericoloso cortocircuito – L’esperto Vincenzo Cosenza: «Non è ancora la morte del social, ma riuscirà a vivere di vita propria solo se verrà inserito in un ecosistema di offerte più ampio, solo la voce è riduttivo»

  • 4

    Il Basquiat di Giammetti vola all’asta

    arte

    Il grande teschio del 1983 «In This Case» dell’artista è stato venduto all’incanto da Christie’s per oltre 93 milioni di dollari, ben oltre la stima di partenza di 50 milioni

  • 5

    Il ritorno del «prog»

    musica

    Corrente del rock tra le più amate negli anni Settanta, da una decina d’anni è tornata d’attualità in tutto il mondo, Svizzera italiana compresa, sulla spinta di un sempre più marcato bisogno da parte di un consistente segmento di pubblico di suoni meno plastificati e di composizioni più articolate

  • 1
  • 1