Vittorio Nocenzi: «Bisogna rimettere l’anima al centro della musica»

Il personaggio

In occasione del suo settantesimo compleanno, nostra intervista al leader del Banco del Mutuo Soccorso, storica formazione del rock italiano

 Vittorio Nocenzi: «Bisogna rimettere l’anima al centro della musica»
Vittorio Nocenzi è nato a Marino (Roma) il 23 gennaio 1951. Ha fondato il Banco del Mutuo Soccorso nel 1969 e da allora è alla testa della band-

Vittorio Nocenzi: «Bisogna rimettere l’anima al centro della musica»

Vittorio Nocenzi è nato a Marino (Roma) il 23 gennaio 1951. Ha fondato il Banco del Mutuo Soccorso nel 1969 e da allora è alla testa della band-

La musica italiana celebra in questi giorni un importante genetliaco: i settant’anni di Vittorio Nocenzi, tastierista e compositore romano, da oltre mezzo secolo alla guida di una delle maggiori realtà del «prog» europeo, il Banco del Mutuo Soccorso, band che dopo un paio di lutti (la scomparsa dell’iconico cantante Francesco Di Giacomo e del chitarrista Rodolfo Maltese) ha rinnovato il suo organico senza tuttavia minare l’ essenza creativa di un gruppo cardine del rock europeo.

Settant’anni di cui oltre 50 alla testa dello stesso ensemble è un traguardo importante. Che ci piacerebbe festeggiare tornando agli inizi. È vero che ottenne il primo contratto per il Banco, quando la band ancora non esisteva? «È vero. Avevo 18 anni e grazie al papà di Gabriella Ferri, Vittorio, con il quale avevo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2

    Il crollo verticale di Clubhouse: da primo a ultimo della classe

    Social network

    Il boom iniziale è stato soppiantato da un’importante perdita d’interesse e download da parte degli utenti – La rivincita dell’audio si è trasformata in un pericoloso cortocircuito – L’esperto Vincenzo Cosenza: «Non è ancora la morte del social, ma riuscirà a vivere di vita propria solo se verrà inserito in un ecosistema di offerte più ampio, solo la voce è riduttivo»

  • 3

    Il Basquiat di Giammetti vola all’asta

    arte

    Il grande teschio del 1983 «In This Case» dell’artista è stato venduto all’incanto da Christie’s per oltre 93 milioni di dollari, ben oltre la stima di partenza di 50 milioni

  • 4

    Il ritorno del «prog»

    musica

    Corrente del rock tra le più amate negli anni Settanta, da una decina d’anni è tornata d’attualità in tutto il mondo, Svizzera italiana compresa, sulla spinta di un sempre più marcato bisogno da parte di un consistente segmento di pubblico di suoni meno plastificati e di composizioni più articolate

  • 5
  • 1
  • 1