Arte

Alla ricerca della via svizzera al Surrealismo

Uno dei curatori dell’imminente mostra al MASI di Lugano ci introduce al progetto

 Alla ricerca della via svizzera al Surrealismo
Alberto Giacometti, Fleur en danger (1932). Legno, gesso, filo di ferro e corda, cm.24x43x13,5. Kunsthaus Zürich. Alberto Giacometti Stiftung.  (© Succession Alberto Giacometti/2019, ProLitteris, Zurich)

Alla ricerca della via svizzera al Surrealismo

Alberto Giacometti, Fleur en danger (1932). Legno, gesso, filo di ferro e corda, cm.24x43x13,5. Kunsthaus Zürich. Alberto Giacometti Stiftung.  (© Succession Alberto Giacometti/2019, ProLitteris, Zurich)

Verrà inaugurata sabato prossimo, 9 febbraio alle ore 18, al MASI di Lugano la grande retrospettiva sul Surrealismo svizzero, organizzata in collaborazione con l’Aargauer Kunsthaus. Intitolata «Surrealismo Svizzera», la mostra indaga sia l’influenza che il movimento ha avuto sulla produzione artistica elvetica, sia il contributo degli artisti svizzeri nel definire lo stesso. Tra...

©CdT.ch - Riproduzione riservata

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

Ultime notizie: Cultura e Spettacoli
  • 1