L’intervista/ Antonio Gili

«Carlo Storni, un capriaschese a Roma»

Lo storico e ricercatore racconta la vicenda da cui è nata la mostra alla Pinacoteca Züst

 «Carlo Storni, un capriaschese a Roma»
Il telero ritrovato. Carlo Storni, Fuga in Egitto (Museo d’arte della Svizzera italiana, Lugano).

«Carlo Storni, un capriaschese a Roma»

Il telero ritrovato. Carlo Storni, Fuga in Egitto (Museo d’arte della Svizzera italiana, Lugano).

La vicenda dimenticata del pittore ticinese Carlo Storni (1738-1806) anima ora una deliziosa mostra alla Pinacoteca Giovanni Züst di Rancate scaturita da una ricerca, quasi da detective della storia dell’arte, promossa dal noto storico e ricercatore Antonio Gili. Ce la siamo fatta raccontare direttamente da lui.

Antonio Gili, come nasce questa mostra e da dove scaturisce il suo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cultura e Spettacoli
  • 1