Il personaggio

Cesare Lucchini: «Il disagio dei giorni nostri, ma senza retorica»

Esposte a Londra, fino al 1. giugno, venti opere dell’artista ticinese sulla condizione dell’uomo in difficoltà

 Cesare Lucchini: «Il disagio dei giorni nostri, ma senza retorica»
Cesare Lucchini nel suo atelier. (foto Maffi)

Cesare Lucchini: «Il disagio dei giorni nostri, ma senza retorica»

Cesare Lucchini nel suo atelier. (foto Maffi)

«Vorrei continuare ad andare a dipingere nel mio atelier con la voglia di oggi. Se vivessi così sino alla fine dei miei giorni sarei un uomo felice. E visto che nelle mie tele tratto temi drammatici dell’umanità, spero che le ingiustizie, un giorno, si fermino. Sarei lieto di non doverne più rappresentare e di potermi limitare a disegnare un semplice, comune, vaso di fiori».

È una...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura e Spettacoli
  • 1