Libri

L’ideale utopia estetica della «Vienna felix»

Un poderoso volume illustrato rievoca per immagini una mitica temperie culturale

 L’ideale utopia estetica della «Vienna felix»
La cupola del Palazzo della Secessione costruito a Vienna da Joseph Maria Olbrich nel 1898.

L’ideale utopia estetica della «Vienna felix»

La cupola del Palazzo della Secessione costruito a Vienna da Joseph Maria Olbrich nel 1898.

È l’apoteosi di quel «mondo di ieri» così ben descritto da Stefan Zweig. Il raffinato, e nelle ambizioni universale, apogeo ideale, estetico, sociale e artistico di una temperie culturale che vede a cavallo tra Ottocento e Novecento Vienna capitale di un impero al centro di un mondo carico di certezze e di speranze. Un mondo perduto, spazzato via con le sue convinzioni da due guerre...

©CdT.ch - Riproduzione riservata

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura e Spettacoli