Saggi

L’utopia transumanista e il tabù della morte

Il viaggio straordinario di un giornalista irlandese nel mondo futuribile degli ibridi

 L’utopia transumanista e il tabù della morte
Macchine pensanti. I più autorevoli esperti di transumanesimo sono convinti che l’integrazione con le macchine ci permetterà di sopravvivere anche per mille anni.

L’utopia transumanista e il tabù della morte

Macchine pensanti. I più autorevoli esperti di transumanesimo sono convinti che l’integrazione con le macchine ci permetterà di sopravvivere anche per mille anni.

«Ahimè fugaci, o Postumo, o Postumo, scorrono implacabili gli anni», ci siamo detti ancora nei giorni scorsi insieme al vecchio Orazio; sempre la vecchia storia.

No, ci avverte invece uno scienziato del nostro tempo, Mark O’Connell, irlandese e studioso del nostro futuro. Il tempo passa, è vero, ma tra venti o trent’anni non sarà più il medesimo; noi, il nostro mondo non saremo...

©CdT.ch - Riproduzione riservata

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura e Spettacoli