Personaggi

La spietata esattezza del «maestrissimo»

Arturo Toscanini nella monumentale biografia scritta dal musicologo Harvey Sachs

 La spietata esattezza del «maestrissimo»
Iconico Toscanini fu, anche nell’immaginario collettivo, insuperato cultore del perfezionismo esecutivo che lo rese il più ammirato (e temuto) direttore d’orchestra della storia.

La spietata esattezza del «maestrissimo»

Iconico Toscanini fu, anche nell’immaginario collettivo, insuperato cultore del perfezionismo esecutivo che lo rese il più ammirato (e temuto) direttore d’orchestra della storia.

Le mille e duecento pagine del musicologo americano Harvey Sachs sono la dettagliatissima biografia di Arturo Toscanini (1867-1957), la storia della musica dalla fine del XIX secolo agli anni Cinquanta del Novecento e il resoconto di innumerevoli interpretazioni meravigliose, controverse e sbagliate. Vicende accanto a giganti come Verdi, Mahler, Puccini, Mascagni, Leoncavallo, Boito,...

©CdT.ch - Riproduzione riservata

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura e Spettacoli
  • 1