Saggi

Le provocazioni di «quel fascista di Pansa»

L’autore de «Il sangue dei vinti» racconta quindici anni di tragicomico ostracismo

 Le provocazioni di «quel fascista di Pansa»
Giampaolo Pansa (Casale Monferrato, 1935) è uno degli ultimi «grandi vecchi» del giornalismo italiano.

Le provocazioni di «quel fascista di Pansa»

Giampaolo Pansa (Casale Monferrato, 1935) è uno degli ultimi «grandi vecchi» del giornalismo italiano.

A un quindicennio dall’uscita del suo maggiore successo editoriale, il libro Il sangue dei vinti (oltre un milione di copie vendute), sulla mattanza subìta dai fascisti in Italia dopo la Liberazione del 25 aprile 1945, Giampaolo Pansa, classe 1935, osa ciò che, qualche anno fa, forse non si sarebbe mai sognato di fare: sbattere in copertina una sua foto (datata 10 giugno 1943),...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cultura e Spettacoli
  • 1