Il decodificatore

Ma papa Francesco è di sinistra?

Il leader della Chiesa cattolica è accusato da più parti di essere «comunista» - L’esperto Markus Krienke: «In realtà vuole superare le vecchie polarizzazioni»

Ma papa Francesco è di sinistra?
VENTO ARGENTINO Un’immagine singolare di papa Francesco scattata durante l’udienza settimanale del 12 giugno a San Pietro. (foto EPA)

Ma papa Francesco è di sinistra?

VENTO ARGENTINO Un’immagine singolare di papa Francesco scattata durante l’udienza settimanale del 12 giugno a San Pietro. (foto EPA)

Ci risiamo: la questione riaffiora ogni tanto da quando Jorge Mario Bergoglio è il leader dei cattolici: ma il Papa è comunista? Questa volta a risollevare il quesito è stato indirettamente papa Francesco stesso che nell’udienza di sabato scorso alle realtà carismatiche riunite nel Charis, il Catholic Charismatic Renewal International Service ha spiegato che servire «i poveri, i più bisognosi» è «nel Vangelo», non è comunismo. Un’excusatio non petita che nasconde una posizione politica chiara? Lo abbiamo chiesto a Markus Krienke, professore di Filosofia moderna e di etica sociale alla Facoltà di Teologia di Lugano.

Perché dicono che sia comunista?

«L’affermazione subito all’inizio del suo pontificato ’’questa economia uccide’’, la sua difesa incondizionata degli emarginati e ’’scartati’’, il suo messaggio di accoglienza senza compromessi, aver messo in primo piano la questione ambientale: il Papa propone molti temi che classicamente ha occupato la sinistra comunista. Anche la sua retorica e alcuni gesti contribuiscono a rafforzare questa opinione».

E allora da che parte sta?

«Giudicare la sua posizione “comunista” significherebbe confondere il messaggio del Vangelo con la politica. Al contrario, papa Francesco vuole “liberare” questi temi dalla polarizzazione politica e indicare le sfide sociali di domani, con i quali tutti i partiti, sia di destra che di sinistra, devono confrontarsi. Riguardo alla politica, egli guarda oltre la “vecchia” distinzione tra destra e sinistra».

La Dottrina sociale è di sinistra?

«La Dottrina sociale si comprende come “terza via”, che non significa “compromesso” tra destra e sinistra, guarda oltre questa distinzione. Ricordiamo che alcune encicliche sociali hanno condannato il socialismo ed espresso un giudizio possibilista sul capitalismo. E se pensiamo alla questione ambientale che in questo momento dà nuova linfa alla sinistra, è proprio la Chiesa ad indicare una posizione “terza”. La Laudato si’ indica infatti una posizione che non è quella dei “verdi” né di Greta Thunberg o di un ambientalismo di sinistra».

E il Vangelo?

«Certo, nel secondo dopoguerra Felice Balbo e la Cattolica di Milano hanno reso culturalmente egemone una lettura “di sinistra” della Bibbia. Ancora oggi tale “narrativo” polarizza i cristiani, e ci ha fatto dimenticare l’importante lettura cattolico-liberale coltivata da Rosmini e Sturzo fino a De Gasperi. L’ordoliberale Wilhelm Röpke sostiene che ’’il Vangelo non è socialista’’. Come vediamo, il Vangelo non è né di destra né di sinistra, casomai lo sono le sue letture. Il messaggio più apolitico della storia ha immensi effetti politici, il cui primo fu la stessa crocifissione di Gesù».

GLI ALTRI ARTICOLI DI CorrierePiù:

- Il reportage di Andrea Colandrea sull’arsenale inesploso di Mitholz (vedi anche il video);

- I Pensieri dal battellino di Bruno Costantini;

- Il Sestante sulla rivoluzione invisibile delle unità di misura, di Simone Pengue;

- Il commento sul «paurismo» di Carlo Silini

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cultura e Spettacoli
  • 1