Cinema

Niente Blake Edwards, arriva Black Light

Cambia la retrospettiva al Locarno Film Festival

 Niente Blake Edwards, arriva Black Light
Un’immagine da Jackie Brown, fra i film della nuova retrospettiva.

Niente Blake Edwards, arriva Black Light

Un’immagine da Jackie Brown, fra i film della nuova retrospettiva.

LOCARNO - Niente Blake Edwards, almeno per quest’anno. Cambia la retrospettiva al Locarno Film Festival. Dagli USA, la Blake Edwards Estate, a causa di concomitanze con altri eventi, ha infatti avanzato nelle ultime settimane la richiesta formale al Festival di posticipare la rassegna dedicata al genio della commedia. Il Locarno Film Festival ha deciso di accogliere tale richiesta anticipando quella inizialmente prevista in programma per l’edizione 2020, intitolata Black Light e dedicata al cinema nero. Per questa inedita evoluzione la Direzione artistica ha affidato la nuova Retrospettiva a Greg de Cuir Jr, noto esperto del cinema nero internazionale, mentre Roberto Turigliatto continuerà a occuparsi delle Retrospettive per le edizioni seguenti.

Non si può parlare di una sola Africa così come non si può parlare di un solo Black cinema. La realtà è più complessa. La Retrospettiva di Locarno72 vuole oltrepassare il concetto di Black in quanto identità e indagare l’immaginario dei registi che hanno reinterpretato questa questione – storica e politica – in diverse epoche e diversi luoghi.

Strutturata come un’indagine eclettica focalizzata principalmente sul ventesimo secolo, la Retrospettiva Black Light presenterà autori di culto, Race movies degli anni ‘20 e ‘30, capolavori pionieristici, film emblematici della Blaxploitation degli anni 1970 e autori essenziali che hanno interpretato e rappresentato la loro epoca politica.

Lili Hinstin, la direttrice artistica del Locarno Film Festival, afferma: «Mi viene spesso fatta la domanda sul genere all’interno di questo movimento straordinario che è il #MeToo, tuttavia penso che la lotta contro la dominazione sociale debba andare oltre il combattimento delle donne e includere tutte le persone che non corrispondano alla supremazia del maschio bianco eterosessuale. Il relativamente recente (diciottesimo secolo) concetto di «razza» ne fa parte e preesiste alla nascita e alla storia del cinema. Come gli artisti abbiano sviluppato la questione nera attraverso i film durante il ventesimo secolo, è ciò che il Locarno Film Festival vuole chiedersi e indagare».

La Retrospettiva è presentata in collaborazione con la Cinémathèque suisse e sarà arricchita da una pubblicazione edita in inglese e francese da Capricci.

La 72. a edizione del Locarno Film Festival si terrà dal 7 al 17 agosto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura e Spettacoli
  • 1