Arriva la prima pillola contraccettiva da prendere una volta al mese

salute

Sperimentata con successo sui maiali, la capsula è stata sviluppata da Brigham and Women’s Hospital e Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston - Si stima che almeno la metà delle donne dimenticano una dose ogni tre mesi

Arriva la prima pillola contraccettiva da prendere una volta al mese
© Shutterstock

Arriva la prima pillola contraccettiva da prendere una volta al mese

© Shutterstock

Pronta la prima pillola anticoncezionale che si prende solo una volta al mese, ideata per fermarsi nello stomaco e rilasciare lentamente i suoi principi attivi. Sperimentata con successo su maiali e descritta sulla rivista Science Translational Medicine, la capsula intelligente è stata sviluppata da Brigham and Women’s Hospital e Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston.

Si stima che almeno la metà delle donne che prendono la pillola dimentichino una dose ogni tre mesi e che questo sia legato al rischio di restare incinte pari al 9% in un anno. Di qui l’idea di un anticoncezionale orale da prendere una volta al mese per migliorare la sua efficacia.

Il farmaco è contenuto in un minuscolo vettore con sei braccia rivestito da una capsula ingeribile. Una volta giunte nello stomaco, le braccia si aprono gradualmente rilasciando il farmaco. La capsula intelligente resta ferma nello stomaco perché le sue dimensioni superano quelle della valvola che collega stomaco a intestino.

Sperimentato su maiali, il metodo funziona: nel sangue degli animali la dose di anticoncezionale resta stabile per 29 giorni dall’ingestione. «La nostra capsula rappresenta un avanzamento decisivo verso la possibilità di dotare le donne di un contraccettivo da prendere solo una volta al mese», sostiene l’autore principale del lavoro Giovanni Traverso.

«Abbiamo iniziato il nostro lavoro per estendere la durata di terapie con farmaci per la malaria, la tubercolosi e l’Hiv. Ma presto - conclude - ci siamo resi conto del potenziale impatto di un contraccettivo simile. Siamo entusiasti di poter riferire i nostri progressi verso tale obiettivo».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1
  • 1