Duecento post d’odio al giorno contro Liliana Segre

via social

I dati raccolti e analizzati dall’Osservatorio anti-semitismo hanno rivelato la quantità di insulti razzisti indirizzati all’89.enne sopravvissuta ad Auschwitz

Duecento post d’odio al giorno contro Liliana Segre
©CdT/Archivio

Duecento post d’odio al giorno contro Liliana Segre

©CdT/Archivio

Enorme l’indignazione dopo la pubblicazione dei dati raccolti ed analizzati dall’Osservatorio anti-semitismo. Come comunicato sulle pagine del Corriere della Sera, i dati hanno rivelato le offese quotidiane via social a Liliana Segre, 89enne sopravvissuta ad Auschwitz e senatore a vita proprio in riconoscimento per il contributo dato alla sensibilizzazione riguardo all’orrore nazista e alla persecuzione al popolo ebraico.

«Dobbiamo lavorare tutti insieme per scacciare l’Italia brutta, quella che invia centinaia di messaggi alla senatrice Liliana Segre. Dobbiamo scacciare il linguaggio dell’odio e inviterò tutte le forze politiche rappresentate in Parlamento per introdurre delle norme per contrastare il linguaggio dell’odio a tutti i livelli, nel dibattito pubblico e nelle comunicazioni via social», ha detto il presidente del consiglio Giuseppe Conte dopo la notizia di Liliana Segre che ogni giorno riceve duecento messaggi incitanti all’odio razziale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1
  • 1