Ex calciatore si improvvisa dj sul balcone, ma arriva la polizia

Curiosità

Tibert Pont, già pilastro del Servette, ogni sera alle 21 allietava il vicinato con una selezione musicale: alcuni abitanti della zona però si sono lamentati con le forze dell’ordine

Ex calciatore si improvvisa dj sul balcone, ma arriva la polizia

Ex calciatore si improvvisa dj sul balcone, ma arriva la polizia

Sono tempi complicati, lo sappiamo. Per venirne a capo o, meglio, per sopportare la quarantena c’è chi – come l’ex calciatore del Servette Tibert Pont – si è trasformato in DJ da balcone. Offrendo al quartiere un po’ di svago danzereccio. Tutto molto bello, ma ad alcuni il programma musicale non è piaciuto. Tant’è che a casa Pont, a Ginevra, è sbucata la polizia. Ne ha dato notizia la «Tribune de Genève».

Da diversi giorni Pont, il cui nome d’arte alla console è DJ Kaiotib, intratteneva il vicinato dalle 21 alle 21.15. Un quarto d’ora apprezzato, al punto che a Tibert erano arrivate anche svariate richieste. «Giovedì, però, la polizia ha bussato alla mia porta alle 21.02» spiega il diretto interessato. «Gli agenti mi hanno detto di aver ricevuto alcune lamentele e così sono intervenuti. Mi hanno pregato di interrompere il mio numero, aggiungendo che il loro era un avvertimento. Erano dispiaciuti. Mi hanno pure spiegato che hanno cercato di far capire ai lamentosi che il mio DJ set durava solo un quarto d’ora. Ma non è stato sufficiente. Quindi, ecco, sono stato bandito dal mio stesso balcone».

Pont, in ogni caso, non ne fa un dramma. Anzi, comprende le lamentele: «Ci sono delle famiglie con bimbi piccoli e a quell’ora giustamente vogliono il silenzio. Ma trovo comunque che questa cosa spiacevole. In fondo, il mio numero era di breve durata. E poi volevo solo mostrarmi solidale con il resto del quartiere».

Una soluzione? È arrivata dagli agenti di polizia. «Mi hanno proposto di suonare la mia musica prima, diciamo alle 19. Ci proverò lunedì nella speranza di non disturbare chi si era rivolto alle forze dell’ordine».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1
  • 1