I cani riconoscono il tumore al seno? Partono i test

Sanità

L’istituto Curie, punto di riferimento francese per la lotta al cancro a livello mondiale, lancia una sperimentazione su 450 donne

 I cani riconoscono il tumore al seno? Partono i test
©Shutterstock

I cani riconoscono il tumore al seno? Partono i test

©Shutterstock

L’olfatto dei cani può riconoscere il tumore al seno? L’istituto Curie, punto di riferimento francese per la lotta al cancro a livello mondiale, lancia una sperimentazione su 450 donne, metà delle quali affette da tumore al seno: alcuni cani addestrati e particolarmente sensibili proveranno a individuare - attraverso compresse di garza utilizzate dalle donne - quali sono quelle utilizzate dalle pazienti che hanno sviluppato il tumore.

La sperimentazione nasce dall’intuizione di un’infermiera specializzata in effetti del tumore, Isabelle Fromantin, che si è convinta che le componenti «volatili» potessero fungere da strumenti diagnostici: «non si tratta di sostituire le mammografie», spiega a Le Parisien, ma di poter offrire un’alternativa a chi è reticente a quell’esame o a chi vi accede con difficoltà a causa di handicap o situazione geografica.

Nel 2016, il progetto decollò grazie a un appello alle donazioni e all’impegno dell’istituto Curie. Se il test dovesse dare risultati positivi, gli scienziati del Curie ipotizzano di usare l’olfatto dei cani in futuro anche per provare a individuare i tumori alle ovaie.

All’ospedale Tenon di Parigi, si studia da una decina d’anni la possibilità di addestrare cani a individuare il cancro della prostata a partire da un campione di urina.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1

    Nessuno parla più del tempo che fa

    MeteoSvizzera

    È vero, abbiamo accantonato un po’ argomenti di discussioni quali sport, politica o le mezze stagioni, ma il servizio meteorologico ironizza sulla questione

  • 2

    «Craccato» il codice genetico umano

    scoperte

    L’esperimento di biologia sintetica è stato condotto sulle staminali del sangue e apre nuovi scenari per lo studio dei meccanismi alla base delle malattie - I ricercatori hanno ottenuto delle cellule capaci di produrre proteine mai viste prima

  • 3
  • 4
  • 5

    Disinfettante? No, ora è caccia al puzzle!

    TICINO

    Costretti a casa, single, coppie e famiglie stanno riscoprendo questo gioco - L’azienda leader Ravensburger conferma: «Boom di richieste in Svizzera, paragonabili al periodo di Natale»

  • 1
  • 1