Il Tribunale federale fa demolire una fontana

Curiosità

L’ha costruita di sua iniziativa nel 2017 un uomo su un terreno del Patriziato di Villa Luganese nel comprensorio dei Denti della Vecchia - Ora dovrà demolirla, perché non aveva il diritto di farlo

 Il Tribunale federale fa demolire una fontana
©SHUTTERSTOCK

Il Tribunale federale fa demolire una fontana

©SHUTTERSTOCK

Il tentativo di costruire una fontana su un terreno fuori zona edificabile appartenente al Patriziato di Villa Luganese, nel comprensorio dei Denti della Vecchia, è finito davanti al Tribunale federale (TF), che con una recente sentenza ha posto fine a un diverbio tra il cittadino che l’ha edificata e il Patriziato stesso.

Niente sanatoria

La vertenza risale al 2017, quando l’uomo aveva deciso di costruire una fontana di calcestruzzo di 70x80 centimetri e profonda 70 centimetri sul terreno del Patriziato. A complicargli i piani è però subentrato un fattore decisivo: il fatto che il Patriziato non fosse d’accordo, né avesse dato il suo benestare. Tanto da fargli bloccare i lavori. L’uomo ha poi provato a ottenere una licenza edilizia in sanatoria, a cui il Patriziato si è opposto. Licenza che gli è stata negata dalla Città, dal Cantone, dal Tribunale amministrativo cantonale e, infine, dal TF che ha respinto un suo ricorso.

Escursionisti e borracce

Tre i motivi addotti dall’uomo per voler costruire la fontana: per ricordare, incidendoli nel cemento, i nomi delle famiglie patrizie; per offrire una fonte d’acqua agli escursionisti in un luogo in cui ve ne sarebbero poche; e per sostituire una fontana a suo dire già presente in loco e andata distrutta nel 2001. Motivi insufficienti per Mon Repos. Perché l’incisione dei nomi è «scopo del tutto personale», perché «la maggior parte degli escursionisti porta con sé, notoriamente, borracce d’acqua» e perché «spettava semmai al Patriziato provvedere alla realizzazione della fontana: non sta ai singoli decidere a loro piacimento dove installare impianti fuori dalla zona edificabile». L’uomo sarà quindi tenuto a pagare le spese giudiziarie, nonché a demolire la fontana, che prima del blocco dei lavori era stata completata ma mai allacciata alla rete.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1

    Salvati dai trafficanti

    Il caso

    Un puma, delle scimmiette e decine di tartarughe: sono un centinaio gli animali sottratti dal mercato nero in un’operazione in Colombia, portata a termine anche grazie all’intervento dell’esercito—Gli esemplari sono stati liberati in una riserva naturale

  • 2
  • 3

    Tom Daley conquista il web sferruzzando

    tokyo2020

    L’oro nei tuffi e la passione per maglia e uncinetto: lo sportivo britannico ha catturato l’attenzione facendo a maglia mentre assisteva alla finale del trampolino femminile dai tre metri

  • 4
  • 5

    Droni al posto di fuochi d’artificio

    La tecnologia

    Le stelle «prendono vita» e compongono coreografie mozzafiato: figure gigantesche fluttuano leggiadre in mezzo al cielo notturno - Farfalle, balene, ma anche emoji, marchi e scritte - Ecco come l’azienda britannica Celestial sostituirà i tradizionali spettacoli pirotecnici—molto inquinanti—con apparecchi volanti radiocomandati

  • 1
  • 1