Jane Fonda in manette per le proteste sul clima

STATI UNITI

L’attrice è stata ammanettata insieme alla fondatrice di Code Pink, Medea Benjamin, e a un’altra ventina di persone che stavano protestando sui gradini di Capitol Hill - IL VIDEO

Jane Fonda in manette per le proteste sul clima
© AP/Jordan Strauss

Jane Fonda in manette per le proteste sul clima

© AP/Jordan Strauss

Non ci sono solo i giovani come l’attivista svedese sedicenne Greta Thunberg sulle barricate dei Fridays for Future: l’ultraottantenne attrice americana Jane Fonda è stata arrestata mentre manifestava a Washington in difesa del pianeta in pericolo.

L’ex Barbarella di Hollywood è stata ammanettata insieme alla fondatrice di Code Pink, Medea Benjamin, e a un’altra ventina di persone che stavano protestando sui gradini di Capitol Hill per convincere deputati e senatori ad approvare il Green New Deal, l’iniziativa per un’economia verde promossa dalla deputata democratica Alexandria Ocasio-Cortez. Poco prima dell’arresto la Fonda, che ha 81 anni, si era rivolta ai manifestanti definendo quella del clima «una crisi collettiva che ha bisogno di una risposta collettiva».

Jane ha spiegato di essere rimasta conquistata dalla causa dopo aver divorato, in un solo fine settimana di settembre, il best seller di Naomi Klein ‘On Fire: The (Burning) Case for a Green New Deal’. «Voglio mostrare solidarietà ai giovani come Greta», aveva detto l’attrice, che è stata successivamente rilasciata.

L’atto di disobbedienza civile della Fonda ha rivelato che lo spirito ribelle dell’attrice che negli anni le ha riservato applausi e insulti non si è affatto affievolito. Nel 1972, all’apice della guerra del Vietnam, il suo viaggio ad Hanoi guadagnò alla figlia di Henry Fonda il soprannome di ‘Hanoi Jane’. Era seguito l’impegno femminista, per i diritti dei nativi americani, dei palestinesi e contro la guerra in Iraq.

Jane riprenderà il suo posto alle proteste sul clima ogni venerdì per il resto dell’anno: si è trasferita a Washington apposta per i prossimi mesi. Ieri è stata incriminata per manifestazione illegale sul lato est del Campidoglio, un reato minore nel Distretto di Columbia, dove il codice proibisce ai manifestanti di bloccare gli ingressi degli edifici pubblici. Se condannata rischia una multa fino a 250 dollari e fino a 90 giorni di prigione.

Due volte premio Oscar per «Klute» e «Tornando a Casa», ma anche madrina dell’aerobica ed ex moglie del tycoon Ted Turner, l’attrice aveva appena finito di parlare quando è stata arrestata: «La stessa ideologia tossica che ha rubato questa terra alla gente che ci viveva, che ha rapito persone dall’Africa, trasformandoli in schiavi perché lavorassero questa terra rubata, che ha tagliato foreste ed esaurito le riserve naturali - aveva proclamato - questa stessa ideologia ci ha portato al cambiamento climatico oggi davanti ai nostri occhi».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1
  • 1