Lo stock di Switcher rilevato da un macellaio vodese

L'uomo intende vendere i capi d'abbigliamento agli abitanti della sua regione - L'azienda era fallita nel maggio 2016

Lo stock di Switcher rilevato da un macellaio vodese
Patrick Perroud con le palette d'abiti acquistate.

Lo stock di Switcher rilevato da un macellaio vodese

Patrick Perroud con le palette d'abiti acquistate.

LOSANNA - Un macellaio vodese ha rilevato gran parte dello stock di articoli del marchio Switcher, acquistati all'asta in febbraio da un imprenditore basilese dopo il fallimento dell'azienda e destinati ai Balcani. Patrick Perroud spiega di aver comperato gli indumenti allo scopo di venderli agli abitanti della sua regione.

Dopo il tracollo della Switcher nel maggio 2016, circa mezzo milione di articoli erano stati comperati dall'imprenditore basilese, con l'obiettivo di rivenderli in Kosovo o in Albania. L'uomo aveva sborsato 250'000 franchi per i 467'123 capi di abbigliamento posti all'incanto.

Confermando la notizia data oggi da Arcinfo.ch e 24 heures, il macellaio spiega di essere intervenuto, con l'aiuto di conoscenti, per evitare che gli articoli lascino la Svizzera. "Abbiamo comperato 332 delle 572 palette", precisa all'ats, senza rivelare l'entità della somma sborsata.

Parte dei capi di abbigliamento sarà venduta a Oulens-sous-Echallens (VD) dal 12 al 14 maggio, con sconti del 70%. L'obiettivo è di farne beneficiare gli abitanti della regione e di recuperare la somma investita, spiega il macellaio, peraltro allevatore di mucche.

Pochi anni fa, il vodese si era già distinto acquistando una mucca della razza di Hérens - "Frégate" -, incoronata regina nazionale nel 2014 e nel 2015 a Aproz (VS).

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Curiosità
  • 1