Nessun tradimento, era una pubblicità

Curiosità

La storia dei volantini sul treno per vendicarsi del fidanzato «farabutto» era una trovata di marketing per promuovere il disco della cantante Romina Falconi

Nessun tradimento, era una pubblicità
©Facebook

Nessun tradimento, era una pubblicità

©Facebook

La curiosa iniziativa che ha insospettito i viaggiatori del treno Milano-Mortara, tanto da diventare virale sui social network, era una pubblicità per promuovere un album musicale. Oltre ai numerosi volantini diffusi sul convoglio, con tanto di foto del presunto fidanzato traditore, e un’auto rossa «vandalizzata», è stato poi affisso un cartellone pubblicitario nella metropolitana di Milano. Quel ricorrente messaggio: «Ringrazia che sono una signora, traditore farabutto» faceva parte dunque di una strategia di marketing per lanciare il disco in uscita della cantante Romina Falconi. La 35.enne, già partecipante di Sanremo giovani e di X Factor, nel 2012, ha svelato l’arcano sui social network. Un chiaro indizio tra l’altro si poteva cogliere dall’assonanza del suo nome con quello del finto fidanzato, tale Romano Falchetti. Il disco in uscita, il secondo della cantante, si chiama «Biondologia» e ha come singolo appunto il brano «Ringrazia che sono una signora». Romina Falconi ha spiegato l’idea alla base dell’iniziativa: «Tira più un pelo di vendetta che un carro d’amore», aggiungendo che «anche senza super poteri e con pochi mezzi, si può e si deve arrivare ovunque».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1
  • 1