Orologio dell’Apocalisse, il tempo sta per finire

tic-tac

Le lancette sono state spostate avanti a 100 secondi alla mezzanotte - La Federazione degli scienziati atomici ha deciso lo spostamento in seguito alle crescenti incertezze

Orologio dell’Apocalisse, il tempo sta per finire
© Shutterstock

Orologio dell’Apocalisse, il tempo sta per finire

© Shutterstock

Il mondo è più vicino alla catastrofe rispetto all’anno scorso. Le lancette dell’orologio dell’Apocalisse sono state spostate avanti a 100 secondi alla mezzanotte contro i due minuti del 2019. La Federazione degli scienziati atomici ha deciso lo spostamento in seguito alle crescenti incertezze.

Creato nel 1947, durante la Guerra Fredda, l’orologio scandisce il tempo che l’umanità ha davanti a sé per evitare una catastrofe dovuta alle armi nucleari o ai cambiamenti climatici. L’orologio è aggiornato ogni anno. Nel 2019 era stato stabilito che all’umanità restavano appena due minuti per evitare una catastrofe, proprio come era accaduto nel 2018 e nel 1953.

«L’umanità si trova ad affrontare due minacce esistenziali simultanee, da un parte una guerra nucleare e dall’altra il cambiamento climatico» spiega il Bollettino degli Scienziati Atomici, un gruppo di esperti fondato nel 1945 che prende in considerazione un complesso di minacce, dalla probabilità di una guerra nucleare al cambiamento climatico e l’avanzamento delle biotecnologie e dell’intelligenza artificiale.

Con lo spostamento in avanti delle lancette gli esperti segnalano che il mondo «non è mai stato così vicino all’apocalisse e mettono in guardia i leader e i cittadini sul fatto che la sicurezza internazionale è più a rischio che mai, più di quanto lo fosse all’apice della Guerra Fredda». «Una guerra nucleare che possa distruggere la civilizzazione è una possibilità. Il cambiamento climatico che potrebbe devastare il pianeta è già in atto. E per vari motivi i governi e le altre istituzioni democratiche che dovrebbero affrontare queste minacce stanno fallendo» nei loro sforzi, mettono in evidenza gli esperti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1
  • 1