Ludopatia

Parroco si gioca 900 mila euro dei fedeli alle slot-machine

Il sacerdote della provincia di Verona chiedeva prestiti per «aiutare i poveri» - L’uomo è stato trasferito

 Parroco si gioca 900 mila euro dei fedeli alle slot-machine
(foto CdT)

Parroco si gioca 900 mila euro dei fedeli alle slot-machine

(foto CdT)

VERONA - Con la scusa di aiutare i poveri, in circa due anni, un ex parroco di San Giovanni Battista di Verona si è fatto prestare 900 mila euro dai fedeli. Peccato che tutti quei soldi, mai restituiti, sono finiti nelle slot-machine. I parrocchiani si sono rivolti al vescovo, per denunciare quanto accaduto, e l’uomo, affetto da ludopatia, è stato trasferito. La Diocesi ha infatti deciso di spostarlo, per cercare di guarire la sua dipendenza dal gioco. La situazione è andata avanti per oltre due anni, finché il fatto non è diventato di dominio pubblico, finendo sui media italiani. La vicenda risale infatti a circa un anno fa, ma le motivazioni del trasferimento del parroco, dopo circa 10 anni di attività nel Veronese, sono venute alla luce solo di recente. Secondo i testimoni, il sacerdote si faceva prestare soldi da chiunque, anche da persone non proprio benestanti, come pensionati ed anziani.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Curiosità