Presto l’auto elettrica si ricaricherà in 10 minuti

Novità

Sarà possibile grazie alle nuove batterie al litio sviluppate dai ricercatori della Penn State University - La resa potrà essere mantenuta per 2.500 cicli di ricarica, cioè più di 800mila viaggi

Presto l’auto elettrica si ricaricherà in 10 minuti
© CdT/Maffi

Presto l’auto elettrica si ricaricherà in 10 minuti

© CdT/Maffi

Presto potranno bastare 10 minuti, il tempo di prendersi un caffè, per ricaricare l’auto elettrica, e percorrere fino a 500 chilometri, grazie alle nuove batterie al litio sviluppate dai ricercatori della Penn State University, guidati da Chao-Yang Wang. Una resa, come si legge sulla rivista «Joule», che può essere mantenuta per 2500 cicli di ricarica, cioè più di 800mila viaggi.

Le batterie al litio generalmente si deteriorano quando sono caricate rapidamente ad una temperatura inferiore ai 10 gradi Celsius. Temperature più alte sarebbe più efficienti, ma periodi lunghi di alto calore danneggiano la batteria.

Il gruppo di Wang ne aveva già sviluppato una in grado di caricarsi a 10 gradi in soli 15 minuti. Poi ha capito che se le batterie potevano scaldarsi a 60 gradi per pochi minuti e raffreddarsi rapidamente a temperatura ambiente non ci sarebbe stato il deterioramento da calore.

Così, per ottenere il raffreddamento rapido, è stato progettato appositamente un sistema per l’auto, dove la batteria che si auto-riscalda usa un sottile strato di alluminio e nickel, e c’è un sensore di temperatura collegato ad un interruttore, che fa scorrere gli elettroni nei nickel e alluminio facendo scaldare l’interno della batteria.

«La ricarica rapida è la chiave per permettere una vasta diffusione delle auto elettriche», commenta Wang. «Oltre alla ricarica rapida - conclude - questo progetto permette di limitare il tempo di esposizione della batteria alle alte temperature di ricarica, generando un ciclo di vita lungo».

Il prossimo obiettivo a cui sta lavorando è arrivare ad una batteria che si carica in soli 5 minuti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1
  • 1