Quando il «tobago» dei pre-colombiani conquistò l’Europa

Pillole di storia

Furono i compagni di viaggio di Cristoforo Colombo, alla fine del ’400, i primi a portare nel Vecchio Continente le foglie della pianta di tabacco

 Quando il «tobago» dei pre-colombiani conquistò l’Europa
© Shutterstock

Quando il «tobago» dei pre-colombiani conquistò l’Europa

© Shutterstock

Se è impossibile sapere chi accenderà l’ultima sigaretta - lo Zeno di Italo Svevo ci ha provato, senza però riuscirci - altrettanto difficile è immaginare chi abbia fumato la prima.

Nelle civiltà pre-colombiane il fumo era sacro: i sacerdoti Maya e Atzechi, già verso il 1000 a.C., soffiavano il fumo verso il Sole e in direzione dei punti cardinali per comunicare con le divinità. Gli Ariani che vivevano nell’attuale Iran e l’antica popolazione degli Sciti - così racconta Erodoto - inalavano invece il fumo passivo dei semi di canapa: in altre parole, la marijuana. Scrive lo storico greco, vissuto nel V secolo a.C.: «Si infilano sotto una tenda fatta di coperte e gettano i semi su pietre roventi; i semi bruciano producendo un fumo che nessun bagno a vapore greco potrebbe superare. Gli Sciti urlano di gioia».

Già nel 1000 a.C. i sacerdoti Maya e Atzechi soffiavano il fumo verso il Sole per parlare con gli dei

Sicuramente, il fumo di tabacco venne descritto per la prima volta all’epoca della scoperta dell’America dai cronisti del tempo. Bartolomeo de Las Casas (1484-1566) scrisse che la pratica era usuale fra i Taino - popolazione precolombiana che abitava l’attuale Santo Domingo: «Gli indiani mischiano il fiato con un’erba chiamata pentum, o tabago, e soffiano come dannati».

Il governatore spagnolo di Santo Domingo, Don Fernando Oviedo, contemporaneo di Las Casas, aggiungeva: «Fra le molte, sataniche arti, gli indigeni ne possiedono una altamente nefasta: l’aspirazione del fumo delle foglie che essi chiamano tabacco e che produce in loro un profondo stato di incoscienza».

E furono proprio i compagni di viaggio di Cristoforo Colombo a portare il tabacco dall’America in Europa. In particolare, Rodrigo de Jerez, che nel 1492 era a bordo della Santa Maria. Nel 1560, poi, l’ambasciatore portoghese in Francia, Jean Nicot, promosse il tabacco come pianta medicinale, dando il suo nome al principio attivo ricavato dalla pianta: la nicotina.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1

    Bassa marea a Venezia

    Italia

    Abituata a convivere con l’acqua alta, la città in questi giorni sta facendo parlare di sé per il fenomeno opposto - IL VIDEO

  • 2

    Venticinque anni fa nascevano i Pokémon

    L’anniversario

    Il 27 febbraio del 1996 usciva la primissima coppia di videogiochi dedicata ai «mostri tascabili»: nel frattempo il marchio ha raggiunto una popolarità globale mentre il compleanno verrà celebrato con un concerto virtuale di Post Malone

  • 3
  • 4

    Se volete potete acquistare un pezzo di Lugano, ma solo su Earth 2

    mondo parallelo

    Spopola in rete il sito che riproduce fedelmente il mondo reale e permette di comprare e vendere terreni con un semplice click ricavando denaro - Cerchiamo di capire che cos’è questa nuova forma d’investimento e quanto la piattaforma sia digitalmente ecosostenibile, la risposta? Non lo è per niente, ecco perché

  • 5
  • 1
  • 1