Quei clandestini riconsegnati all’Italia

Cent’anni fa

Le notizie del 12 gennaio 1922

Quei clandestini riconsegnati all’Italia

Quei clandestini riconsegnati all’Italia

Espulsioni dalla SvizzeraAlla polizia italiana al confine venivano in questi giorni consegnati dai gendarmi svizzeri parecchi individui, i quali erano riusciti a varcare clandestinamente la frontiera, e si aggiravano in attitudine sospetta in varie città della Svizzera. Sono: Luigi Giuseppe Masuti fu Giuseppe, nato nel 1904 a Calbrun (Canton San Gallo), muratore, residente ad Aviano (Udine). Costui veniva espulso dietro ordine della polizia di Lucerna. Luigi Castoldi di Pietro, nato a Milano nel 1896, ed ivi dimorante in via Vetraschi 16, aggiustatore meccanico. Umberto Teruzzi di Angelo di 21 anni, da Milano (via Generale Govone 40), fabbro ferraio. Petro Teruzzi di Angelo di 19 anni, pure da Milano (via Generale Govone 40), fabbro ferraio. Questi tre ultimi venivano espulsi per ordine della...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Curiosità
  • 1
  • 1